(foto depositphotos)

Di STEFANO CASINI

Da uno studio realizzato dall’OMS con l’UNICEF apprendiamo che nel nostro Pianeta, sono stati 6.000 bambini in più al giorno che, durante il 2020, sono morti per cause prevedibili, mentre la pandemia COVID-19 continua a indebolire i sistemi sanitari e interrompere i servizi di routine, secondo quanto riporta appunto l'UNICEF. Si basa su un'analisi condotta dai ricercatori del Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, cominciata nel maggio dell’anno scorso, che si basa sulla peggiore delle tre ipotesi di 118 paesi a basso e medio reddito. Si stima che ci sono stati circa 1,2 milioni di decessi aggiuntivi di bambini sotto i cinque anni in soli sei mesi a causa delle riduzioni nei livelli di copertura dei servizi medici di routine e nell'aumento del deperimento infantile. Questi 1,2 milioni sono da aggiungere ai 5 milioni di bambini che, ogni anno non possono spegnere le candeline del loro quinto compleanno nei 118 paesi inclusi nello studio, contro i 2.9 milioni di morti con il Covid19 dall’inizio della pandemia. Questo porrebbe fine alle migliaia di studi approfonditi che sociologi, medici e personale della salute e della ricerca hanno fatto per decenni con l’obiettivo di porre fine alla mortalità prevenibile sotto i cinque anni. D'altra parte, ci sono stati quasi 60.000 decessi materni aggiuntivi in soli sei mesi, oltre ai 144.000 decessi che già si verificano negli stessi paesi in un periodo di sei mesi. “In poche parole, il numero globale di bambini che muoiono prima del loro quinto compleanno é aumentato, per la prima volta, da decenni", ha affermato Henrietta Fore, Direttore esecutivo dell'UNICEF. “Non possiamo permettere che madri e bambini subiscano i danni collaterali della lotta al virus. E non possiamo permetterci di perdere decenni di progressi nella riduzione delle morti prevenibili di madri e bambini ". Nei paesi i cui sistemi sanitari erano già deboli, COVID-19 sta causando interruzioni nelle catene di approvvigionamento medico e sta distruggendo le risorse umane e finanziarie. Le visite ai centri medici stanno diminuendo a causa di chiusure, coprifuoco e interruzioni dei trasporti, nonché per paura di infezione da parte della comunità. In un commento al rapporto Lancet, l'UNICEF avverte che queste interruzioni hanno innescato aumenti devastanti delle morti materne e infantili. Lo studio presenta tre ipotesi sugli effetti che le riduzioni degli interventi vitali dovute alla crisi hanno sulle morti materne e infantili. Nel caso meno grave, in cui la copertura sarebbe ridotta di circa il 15%, si segnala che si avrebbe un aumento del 9,8% dei decessi di bambini sotto i cinque anni (cioè circa 1.400 al giorno) e un 8,3% aumento delle morti materne. Nel caso più grave, in cui gli interventi sanitari sarebbero ridotti di circa il 45%, si registrerebbe un aumento non inferiore al 44,7% dei decessi di bambini sotto i cinque anni e del 38,6% dei decessi materni ogni mese. Lo scopo degli interventi comprende la pianificazione familiare, l'assistenza prenatale e postnatale, l'ostetricia, le vaccinazioni e i servizi di prevenzione e cura. Le stime rivelano che se i servizi sanitari di routine vengono interrotti per qualsiasi motivo e l'accesso al cibo è limitato, l'aumento delle morti infantili e materne sarà devastante. L'aumento del numero di decessi infantili aggiuntivi é stato dovuto a un aumento della prevalenza di deperimento tra i bambini, che includerebbe potenziali impatti al di fuori del sistema sanitario, nonché una riduzione del trattamento per la polmonite neonatale e la sepsi. Secondo l'analisi, e tenendo conto delle riduzioni della copertura nel caso peggiore, i 9 paesi in cui si é registrato il maggior numero di decessi infantili aggiuntivi sono: Bangladesh, Etiopia, India, Indonesia, Nigeria, Pakistan, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica Unita di Tanzania e Uganda. I 10 paesi che hanno avuto i tassi di mortalità infantile in eccesso nel peggiore dei casi più alti sono: Gibuti, Eswatini, Lesotho, Liberia, Mali, Malawi, Nigeria, Pakistan, Sierra Leone e Somalia. Oltre al potenziale aumento stimato delle morti materne e infantili descritto nella recensione di The Lancet Global Health, l'UNICEF è profondamente allarmato per altri effetti collaterali che la pandemia potrebbe avere sui bambini: - All'inizio di maggio 2020, circa il 77% dei bambini sotto i 18 anni di età nel mondo (1,8 miliardi su un totale di 2.350 milioni) viveva in uno dei 132 paesi con politiche di reclusione domiciliare - Circa 1,3 miliardi di studenti (oltre il 72%) non vanno a scuola a causa della chiusura di scuole a livello nazionale in 177 paesi. - Il 40% della popolazione mondiale non può lavarsi le mani con acqua e sapone a casa. - Quasi 370 milioni di bambini in 143 paesi che normalmente dipendono dai pasti scolastici come fonte affidabile di nutrimento quotidiano devono cercare altre alternative mentre le scuole rimangono chiuse. - Dal 14 aprile 2020, più di 117 milioni di bambini in 37 paesi non hanno ricevuto i vaccini contro il morbillo, poiché la pandemia ha costretto a interrompere le campagne di immunizzazione per ridurre il rischio di trasmissione del virus. L'UNICEF ha lanciato #Reimagine, una campagna internazionale per impedire che la pandemia COVID-19 diventi una crisi a lungo termine per i bambini, soprattutto i più vulnerabili: quelli colpiti da povertà, esclusione o privazione di violenza domestica, ma, purtroppo l’emergenza ha potuto di più che il buon senso generale e auentano esponenzialmente i morti al disotto dei 5 anni in tutti il mondo. Attraverso la campagna, l'UNICEF ha chiestoai governi, al pubblico, ai donatori e al settore privato di unirsi all’OMS mentre si cerca di rispondere, recuperare e reimmaginare un mondo attualmente afflitto dal coronavirus: Questi i punti principali dell’allarme lanciato dall’UNICEF: - Risposta. Dobbiamo agire immediatamente per fermare la diffusione del virus, aiutare i malati e proteggere gli operatori sanitari che lavorano in prima linea rischiando la propria vita per salvare quella degli altri. - Riaverlo. Anche se la pandemia rallenta, ogni paese dovrà continuare a lavorare per mitigare gli effetti secondari che avrà sui bambini e affrontare i danni causati. Inoltre, le comunità dovranno lavorare insieme e oltre i propri confini per ricostruire e prevenire il ritorno della malattia. - Reinventa. Se abbiamo imparato qualcosa da COVID-19, è che i nostri sistemi e le nostre politiche devono proteggere le persone in ogni momento, non solo in situazioni di crisi. Mentre il mondo si riprende dalla pandemia, questo è il momento di gettare le basi per ricostruire un mondo migliore. Per dare il via alla campagna, due dei partner più preziosi dell'UNICEF (Pandora e ING) si sono impegnati a fare una generosa donazione per dimostrare il loro ruolo nel rispondere all'appello, nonché per incoraggiare il resto della popolazione a fare donazioni. nelle prossime settimane.“La crisi COVID-19 è una crisi dei diritti dei bambini. Abbiamo bisogno di una risposta immediata, a medio e lungo termine che non solo affronti gli ostacoli posti dalla pandemia e dai suoi effetti secondari sui bambini, ma serva anche a delineare un piano definito volto a ricostruire un mondo migliore quando supereremo la crisi. Per fare questo, abbiamo bisogno di idee, risorse, creatività e solidarietà da tutto il mondo ", ha detto Fore. "Oggi è nostra responsabilità comune reinventare come sarà il mondo in futuro". Gli autori dello studio Lancet Global Health hanno utilizzato il metodo Lives Saved Tool (LiST) per analizzare la mortalità materna e sotto i cinque anni da tre ipotesi in 118 paesi a basso e medio reddito. Hanno analizzato tre ipotesi in cui la copertura degli interventi essenziali per la salute materna e infantile diminuisce tra il 9,8% -51,9% e la prevalenza di deperimento aumenta tra il 10% e il 50%. Inoltre, hanno calcolato i decessi aggiuntivi per un periodo di un solo mese e li hanno estrapolati a tre, sei e 12 mesi Lo scopo di questi interventi include la pianificazione familiare, l'assistenza prenatale e postnatale, l'ostetricia, le vaccinazioni e i servizi di prevenzione e cura. I casi analizzati sono ipotetici e non riflettono politiche reali né distinguono strategie di mitigazione; solo il fatto che si verificheranno interruzioni. Informazioni sul programma di difesa dell'UNICEF e sulla risposta al Covid-19¡ La risposta si basa su un programma d'azione in sei punti che supporta i governi e sollecita i responsabili delle decisioni a: - Garantire che i bambini siano sani e ben nutritI - Raggiungere i bambini vulnerabili e fornire loro acqua, servizi igienici e igiene - Rendi più facile per i bambini continuare a studiare - Aiutare le famiglie a soddisfare i loro bisogni e a prendersi cura dei propri figli Proteggere i bambini dalla violenza, dallo sfruttamento e dagli abusi • Proteggere i bambini rifugiati, migranti e vittime di conflitti Ma chi sta a sentire oggi l’UNICEF? Mentre milioni e milioni di persone, piccoli e grandi, muoiono come le mosche, si guarda solo alle punte più deboli della linea sanitaria, le Terapie Intensive. Il resto non importa!