Meloni e Salvini

La partita sul Copasir si fa, di ora in ora, sempre più rovente. Tra Matteo Salvini (Lega) e Giorgia Meloni (FdI) la tensione resta alta, proprio alla vigilia del vertice della coalizione di centrodestra per la scelta delle candidature per le comunali.

Due giorni fa il leader del Carroccio ha “affossato” il candidato di Fratelli d'Italia alla presidenza, accusandolo di "amicizia con l'Iran". Subito dopo il segretario leghista ne ha avuto anche per FdI, data in crescita nei sondaggi. "Se sono preoccupato dall'ascesa della Meloni? No, preoccupato dovrebbe essere Letta che tra un po' scompare" ha detto.

"Caro Matteo, sappiamo entrambi che uniti facciamo paura perché la nostra coalizione è forte, vincente, sta insieme per scelta e non per interesse" ha replicato la leader di Fdi. E però – ha precisato subito dopo - anche noi, ogni tanto, se prestiamo meno il fianco a questo racconto delle divisioni tra di noi ci aiutiamo a essere più forti".