(foto depositphotos)

Il colosso statunitense dell'e-commerce Amazon ha smantellato la scorsa notte un sito web utilizzato come strumento di propaganda dallo Stato islamico. Sul sito nelle scorse ore era stato celebrato l'attentato suicida all'aeroporto di Kabul, in Afghanistan, costato la vita a oltre 170 persone tra cui 13 militari Usa.
Lo riferisce  il quotidiano "Washington Post". Era stato lo stesso giornale a far sapere ad Amazon che gli estremisti si affidavano alla tecnologia dell'azienda per promuovere l'estremismo. Non bisogna dimenticare che Jeff Bezos, ex CEO e ora presidente dell'azienda, è anche proprietario del giornale americano.

A scoprire il collegamento tra gli estremisti e Amazon è stata Rita Katz, direttore esecutivo di SITE Intelligence Group, che monitora l'estremismo online. Il portale degli estremisti era ospitato dal servizio cloud dell'azienda, Amazon Web Services. Tutto questo nonostante le politiche aziendali contro la collaborazione con gruppi terroristici. Amazon, infatti, come la maggior parte delle società tecnologiche americane, ha politiche che vietano ai gruppi terroristici islamisti di utilizzare i suoi servizi. Eppure Nida-e-Haqq, gruppo editoriale affiliato allo Stato islamico, distribuiva sul portale contenuti in lingua urdu, parlata in particolare in Pakistan, ma anche in alcune zone dell'Afghanistan.

Alcuni dei messaggi riguardavano lo Stato islamico del Khorasan, il ramo del gruppo terroristico che ha rivendicato l'attacco di Kabul. "A seguito di un'indagine, abbiamo disabilitato un sito Web che era collegato a questa app, in quanto violava la politica di utilizzo di AWS " ha dichiarato il portavoce di Amazon Casey McGee in una nota inviata via mail ieri sera. Tale politica vieta ai clienti, tra le altre pratiche, di utilizzare il servizio di cloud computing "per minacciare, incitare, promuovere o incoraggiare attivamente la violenza, il terrorismo o altri gravi danni". Secondo il Washington Post l'app degli islamisti era ospitata da Amazon Web Services almeno da aprile.

Nida-e-Haqq lo scorso 26 agosto ha pubblicato un'immagine dell'attentatore suicida avvolto in un giubbotto esplosivo prima dell'esplosione. ″È semplicemente strabiliante che anche dopo tutti questi anni, l'ISIS possa ancora trovare un modo per sfruttare una società di hosting come Amazon - ha commentato Kats - Naturalmente, dovremmo presumere che l'ISIS sarà sempre alla ricerca di modi per aggirare i protocolli di sicurezza, ma questa app non ha nemmeno cercato di rimanere di basso profilo. È pieno di affermazioni ufficiali dell'ISIS, media e loghi delle armi mediatiche dell'ISIS, sfacciati e chiari come il giorno. Questa app è stata chiaramente creata per mantenere vivi e distribuiti online i messaggi dell'ISIS".

Secondo il Washington Post questa volta Amazon non è riuscita a rintracciare i contenuti di matrice terrorista perché "non ha spesso controllato in modo preventivo il contenuto messo online dai clienti, molti dei quali gestiscono siti Web commerciali ampiamente conosciuti come Airbnb, Yelp e Netflix". Il giornale sottolinea infatti come il team dell'azienda Trust & Safety, che conta meno di 100 dipendenti, agisca solo dopo che riceve reclami o lamentele.