È stata protagonista del film ‘The Cannonball Run’ (La corsa più pazza d’America), era il 1981. E quattro decadi dopo la Lamborghini Countach LP400 S, modello del 1979, telaio numero 1121112, fa il suo ingresso nel più prestigioso ed esclusivo club automobilistico degli Stati Uniti: il National Historic Vehicle Register della Biblioteca del Congresso che è gestito dal Hagerty Driver’s Foundation. Un riconoscimento davvero unico dal momento che la lista è composta da appena 30 veicoli che oggi sono considerati di importanza nazionale per gli States. E per celebrare questo avvenimento, la Countach, all’interno di una speciale teca di cristallo, è stata esposta al National Mall di Washington DC dove si trova il Lincoln Memorial e il monumento a George Washington. L’ingresso nel Register significa anche che d’ora in poi tutte le informazioni relative al bolide uscito dallo stabilimento di Sant’Agata Bolognese saranno custodite dalla Biblioteca del Congresso degli USA che è la più antica istituzione culturale del Paese. Nel film ‘La corsa più pazza d’America’ la Countach è la vincitrice della gara e l’assoluta protagonista della pellicola. Ma la storia di questo iconico modello risale al 1971 quando venne presentato come prototipo al Salone di Ginevra: restò in produzione fino al 1980 quando venne sostituito dalla Diablo. Progettata da Paolo Stanzani e disegnata da Marcello Gandini ne furono prodotti 2049 esemplari. Nel film ‘The Cannonball Run’, che racconta una corsa clandestina coast to coast negli States, la Countach era guidata da Marcie Tatcher e Jill Rivers, interpretate da Adrienne Barbeau e Tara Buckman. Nel cast grandi attori da Burt Reynolds a Roger Moore da Farrah Fawcett a Dean Martin e Sammy Davis Jr per un totale di otto equipaggi con altrettante auto tra le quali spiccavano anche una Ferrari 308 GTS, una Aston Martin DB5 e anche una Rolls-Royce Silver Shadow. In Italia la pellicola nella stagione 1981-82 si classificò al 34º posto nella classifica dei 100 maggiori incassi.