(foto depositphotos)

Ha compiuto una vera e proprio strage. Dopo una lite per l’eredità. E’ successo, questa mattina, a Licata, Agrigento, dove un 48enne ha ammazzato a colpi di pistola quattro familiari. A perdere la vita il fratello dell’uomo, la cognata e due nipoti di 11 e 15 anni. Quindi, il tentativo di fuga.

Ma, braccato dai carabinieri, si è sparato mentre era al telefono proprio con i militari. Ora è ricoverato in ospedale in gravissime condizioni. In base a una prima ricostruzione, il 48enne avrebbe perso la testa per motivi economici legati alla spartizione di alcuni terreni appartenenti alla famiglia.