Depositphotos

Il succo di limone, un frutto comune ed economico, sembra abbia il potere di abbassare la pressione sanguigna.

L’agrume, ricco di vitamine e minerali, può essere un eccellente integratore naturale d’aiuto a ridurre la pressione sanguigna nelle persone con ipertensione o per chi ha improvvisi attacchi di ipertensione.

Secondo quanto riferisce il Mirror, 101 donne giapponesi hanno partecipato a uno studio in cui hanno combinato il consumo quotidiano di succo di limone con la camminata quotidiana.

Dai risultati è emersa una riduzione della pressione arteriosa sistolica che secondo il rapporto Healthline è stata attribuita all’acido citrico e al contenuto di flavonoidi dei limoni.

I benefici di frutta e verdura contro la ipertensione – Blood Pressure UK ha dichiarato: “Frutta e verdura sono parte essenziale di una dieta sana, sono d’aiuto a prevenire numerosi problemi di salute. Mangiare frutta e verdura contrasta in modo diretto l’effetto del sale, che contiene sodio e che aumenta la pressione sanguigna. Sono ricchi di diverse vitamine e minerali che mantengono il corpo sano, inoltre sono a basso contenuto di calorie e ricchi di fibre, d’aiuto nella digestione e nella salute del cuore”.

Frutta e verdura contengono inoltre potassio, elemento in grado di abbassare la pressione sanguigna poiché allenta la tensione nelle pareti dei vasi sanguigni.

Infarto e ictus: i rischi della pressione alta – La pressione alta può comportare infarti e ictus. Si ritiene che in tutto il mondo circa un miliardo di persone soffra di pressione alta, nota anche come ipertensione, che viene misurata attraverso due unità chiamate pressione sanguigna sistolica e pressione sanguigna diastolica.

La pressione sistolica, o massima pressione, è il valore di pressione arteriosa nel momento in cui il cuore è in fase di contrazione, al fine di spingere il sangue in circolo; in altre parole, è la pressione sanguigna a ogni battito del cuore.

Il SSN britannico afferma: “Le letture della pressione sanguigna comprese tra 120/80 mmHg e 140/90 mmHg potrebbero indicare che non prendendo delle misure per tenerla sotto controllo, una persona rischia di sviluppare ipertensione”.