La Casa Bianca

Alla fine i tanto temuti dazi di Trump colpiranno soltanto la Cina. Il presidente degli Stati Uniti ha firmato il "Section 301 action", contenente le famigerate misure protezionistiche su acciaio e alluminio. Stangata da 60 miliardi di dollari sul paese asiatico, accusato di rubare segreti tecnologici e commerciali e di fare concorrenza sleale, mentre per gli "amici" del presidente si va verso l'esenzione.

Niente dazi - almeno a quel che filtra da Washington - per i paesi dell'Unione Europea, ma anche per altri storici partner tra cui Australia, Corea del Sud, Argentina e Brasile. La rivelazione è stata fatta da Robert Lighthizer, rappresentante al commercio, che ha chiarito come l'esenzione sia stata decisa personalmente dal presidente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome