Fecondazione eterologa, a Roma il primo centro pubblico del centro sud Italia

La fecondazione eterologa offerta dal servizio pubblico sbarca nella Regione Lazio. Nella Capitale, per la precisione, dove apre i battenti nelle sedi del Sant'Anna e del San Filippo Neri che fanno capo alla Asl Roma 1. La novità è stata presentata nei giorni scorsi al Sant'Anna dal governatore Nicola Zingaretti, con l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato e il dg dell'azienda Angelo Tanese. Il servizio offerto dalla Asl Roma 1 è il primo simile del centro-sud Italia.

SERVIZIO COL TICKET
Finora i romani che volevano usufruire del servizio di fecondazione eterologa per avere un figlio erano costretti a pagare un centro privato o andare all'estero. Da questo momento sarà possibile farlo prenotando una prima visita ginecologica per infertilità attraverso il Recup regionale. La fecondazione eterologa prevede l'uso di gameti (sia ovociti che spermatozoi, o entrambi) provenienti da donatori esterni alla coppia. L'accesso alle tecniche è consentito alle donne che non abbiano compiuto il 43esimo anno di età.

TAPPA IMPORTANTE
"L'avvio della fecondazione eterologa presso il Centro Pma Sant'Anna e il Centro Pma San Filippo Neri - ha spiegato Tanese - è un'altra tappa importante che valorizza le professionalità della Azienda e garantisce un servizio pubblico di eccellenza ai nostri residenti". "Oggi - il commento dell'assessore D'Amato - apriamo questo nuovo servizio pubblico, un servizio che non c'era, il cui accesso è previsto attraverso le prenotazioni del canale Cup e Recup. Ci sono delle tariffe trasparenti concordate in Conferenza delle Regioni a cui il Lazio ha aderito. Per cui in buona sostanza il cittadino attraverso il Recup può accedere a questo nuovo servizio a partire da oggi e questo è un elemento molto importante - ha concluso - perché è una sanità senza disavanzo, una sanità che offre servizi nuovi che prima non c'erano".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome