Beppe Grillo

Sul palco di "Italia a 5 Stelle" al Circo Massimo, dove, tra gli altri, c'era anche il premier Giuseppe Conte, è salito pure il fondatore del Movimento, Beppe Grillo, che ha parlato della vicenda in cui è stato accusato di vilipendio. "Dovremmo togliere i poteri al Capo dello Stato, dovremmo riformarlo. Il vilipendio... un Capo dello Stato che presiede il Csm, capo delle forze armate. Non è più in sintonia col nostro modo di pensare", ha detto.

GRILLO "DIFENDE" SALVINI
Durante il suo discorso, l'ex comico genovese ha tenuto in una mano il microfono e nell'altra una "manina" di un manichino. Il leader della Lega Matteo Salvini, ha dichiarato, "è uno che dice una cosa e la mantiene. L'etica della politica è la lealtà, e oggi è un miracolo della politica. Poi siamo strutturalmente come Dna diversi".

GRASSO: DIFENDEREMO LA COSTITUZIONE
"Capisco che sia in difficoltà a difendere condoni fiscali e edilizi, che voglia spostare l'attenzione. Ma è pericoloso farlo attaccando il Presidente della Repubblica e la Costituzione, che noi difenderemo come sempre" ha replicato Pietro Grasso, senatore di Liberi e Uguali, su Twitter.

ORLANDO: "SEMPRE PIÙ ISPIRATO AL NAZIFASCISMO"
"Se c'erano dubbi, è ormai chiaro quale sia il modello culturale e storico cui il governo prefascista gialloverde si ispira: proprio quello del nazismo e del fascismo di Hitler e Mussolini" ha invece detto in una nota il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

CARFAGNA: "GRILLO CONTRO IL COLLE PER MASCHERARE PROMESSE TRADITE"
"Pensare di poter intimidire Sergio Mattarella è l'ennesimo errore politico del Movimento 5 Stelle, che ha un atteggiamento sempre più anti-italiano. Capiamo l'esigenza di Beppe Grillo di dover parlare d'altro dal momento che dal condono alla Tap, il governo di cui è azionista di maggioranza non è riuscito a mantenere la parola data su un solo tema" ha detto Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia.

MARTINA: "GIÙ LE MANI DAL CAPO DELLO STATO"
"Il comico miliardario prenda in giro chi vuole, non c'è alcun problema a farsi due risate al circo di domenica, ma lasci stare la Costituzione e il ruolo di garanzia del Quirinale. Il Capo dello Stato non si tocca caro Grillo" ha invece commentato il segretario del Pd Maurizio Martina.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome