Foto Depositphotos

C’è tempo fino al prossimo 10 giugno per partecipare a “Territori d’arte in dialogo 2019”, nuovo progetto dell’Associazione “Ottovolante” di Bologna che selezionerà 8 giovani dai 18 ai 35 anni - che stiano operando nel campo delle arti plastiche e visive, della fotografia - discendenti di emiliano-romagnoli residenti in Argentina, Brasile, Cile, Uruguay e Venezuela.

Il progetto prevede un soggiorno di 4 settimane a Bologna finalizzato a vivere l’ambiente artistico e culturale italiano, ed in particolare emiliano-romagnolo, sulla base di un programma di esperienze programmate dall’Associazione Ottovolante. Il progetto è realizzato con il contributo dell'Assemblea Legislativa-Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo. L’Associazione Ottovolante di Bologna è assegnataria di finanziamento per questo progetto, presentato e realizzato in partenariato con:

Associazione Emiliano Romagnola di Cordoba (Argentina), PROTER (Argentina), Associazione Emiliano Romagnola della Provincia del Chaco (Argentina), Associazione Nuevas Generaciones Terra (Argentina), Associazione Emilia Romagna Do Rio Grande Do Sul (Brasile), Circolo Emilia Romagna di Sao Paolo (Brasile), Associazione Emiliano Romagnola Bandeirante de Salto e Itu (Brasile), Associazione Emilia Romagna di Angol (Cile), l’ Associazione Emilia Romagna di Puren (Cile), Associazione Emiliano Romagnoli emigrati in Uruguay, Fondazione Magistra di Montevideo (Uruguay), Centro Cultural y Artístico Casa de Pérez (Uruguay), Associazione Emiliano Romagnola di Aragua (Venezuela), Check Point Charly (Bologna), Laboratorio155 (Bologna), AIPI (Bologna), Associazione Terzo Tropico (Bologna), Gomma Bicromata Gallerie delle Arti (Castel di Casio). (Bando in italiano e in spagnolo sul sito associazioneottovolante. com).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome