Sono 10.336 le domande presentate da dipendenti pubblici per andare in pensione con il meccanismo Quota 100. Questi, secondo quanto l’ANSA è in grado di anticipare, i primi dati ufficiali che l’Inps ha elaborato sulle richieste di uscita che partono dal mese di agosto, che è quello di avvio di Quota 100 nella P.a. Un gran numero di uscite è atteso per settembre, che potrebbe interessare il settore scolastico, il più numeroso tra i dipendenti pubblici. Otto dipendenti pubblici su 10 escono ad agosto con quota 100 provengono dagli enti pubblici e dalla sanità.

Da Regioni, Comuni e Province arriva infatti il 55,1% delle domande di pensionamento attraverso il meccanismo che cumula età e contributi, con un totale di 5.694 domande su 10.336 del settore pubblico. Segue la sanità con 2.344 (il 22,7%), soprattutto nel settore dei paramedici, amministrativi e tecnici. Entrando nel dettaglio del settore sanità, si contano 321 domande provenienti da medici e veterinari e 2.023 da paramedici, amministrativi e tecnici. E ancora, sono 1.612 quelle che fanno riferimenti al personale civile di ministeri e agenzie fiscali. Gli altri comparti ne contano per ora solo alcune decine: 211 per gli enti di previdenza, 50 per le autorità indipendenti, altri 50 per università e accademie, 48 per enti e istituzioni di ricerca come Istat o Cnr.

Sotto la voce ‘altre’ amministrazioni se ne registrano invece 327. A settembre sarà la volta della scuola, il comparto più ‘popoloso’ della P.a. Nel privato invece la formula che consente di andare in pensione anticipata con almeno 62 anni di età e 38 di contributi è operativa da aprile. Per rimpiazzare le uscite negli enti locali e nella sanità il cosiddetto Decretone, il provvedimento che disciplina Quota 100, ha previsto la possibilità nei due settori di velocizzare le assunzioni. In pratica si può anticipare l’immissione di nuove leve anche in corso d’anno per sostituire nell’immediato chi va in pensione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome