Gli scienziati lanciano un preoccupante avvertimento per i paesi di tutto il mondo che attuano misure di blocco totali o parziali. Un avvertimento che suona come una probabilità non tanto remota. Per essere efficaci le misure di distanziamento sociale e l’interdizione di movimento dovrebbero durare da 12 a 18 mesi.

L’ipotesi non prende ancora piede a livello internazionale ma sembra essere all’orizzonte. Nei giorni scorsi, il Primo Ministro Boris Johnson ha annunciato quello che molti hanno visto come un brusco cambiamento nella strategia del suo governo per combattere coronavirus. Laddove prima le autorità dicevano agli inglesi di continuare a vivere più o meno come di consueto e di isolarsi per una settimana se presentavano sintomi, all'intera popolazione é stato chiesto di smettere di vedere amici e parenti, di evitare spazi pubblici come pub e ristoranti e di auto- isolarsi per 14 giorni se affetti da sintomi del virus. Un cambio repentino e inaspettato, probabilmente spinto dai dati di molti scienziati che fornivano modelli disastrosi nell’eventualità si fosse proseguito con la politica dell’immunità di gregge.

L'annuncio di Johnson ha avvicinato il Regno Unito in linea con la risposta internazionale del coronavirus dopo una settimana in cui il paese sembrava optare per una strategia unica. Un altalena di ipotesi opposte nell’arco di poco meno che qualche giorno. Ma vediamo. Venerdì scorso, il principale consigliere scientifico del governo britannico ha affermato che non introducendo immediatamente restrizioni ai viaggi e alla socializzazione, il virus sarebbe potuto circolare tra i membri più sani della popolazione. Il suo impatto sarebbe stato ridotto isolando quelli con sintomi, permettendo alla popolazione britannica di sviluppare un po 'di "immunità da gregge". Ciò ha scatenato un severo monito da parte di alcuni immunologi ed epidemiologi in tutto il mondo. Gli scienziati hanno sostenuto unilateralmente che la strategia avrebbe avuto conseguenze "gravi" sulla popolazione.

Tali preoccupazioni sono nate soprattutto studiando nuovi modelli sui diversi approcci di distanziamento sociale sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, pubblicati lunedì scorso dall'Imperial College di Londra COVID- 19 Response Team. In entrambi i paesi, gli scienziati hanno scoperto che i tipi di distanza sociale limitata che il Regno Unito stava attuando - un approccio di "mitigazione" - avrebbero superato le capacità massime dei sistemi di assistenza sanitaria di molte volte. Nel Regno Unito, circa 250.000 persone sarebbero morte per il virus. Negli Stati Uniti, la cifra sarebbe compresa tra 1,1 e 1,2 milioni. Il rapporto con i dati catastrofici si conclude con la certezza che un approccio di "soppressione", che comprende il rigoroso allontanamento sociale per tutti e la quarantena per le famiglie con vittime del virus, "resterebbe l'unica strategia praticabile attualmente. Insomma restrizione totale dei contatti sociali o ecatombe della popolazione. Praticamente lo stesso approccio adottato dalla Cina e da un numero crescente di paesi europei. Italia per prima seguita poi da Spagna, Francia, Germania Belgio etc....

Secondo gli esperti dunque questo sistema di chiusura e confinamento della popolazione, dovrà essere mantenuto, finché il virus circolerà nella popolazione umana o fino a quando non sarà disponibile un vaccino. Nel caso del COVID-19, saranno necessari almeno 12-18 mesi prima che sia disponibile un vaccino. Una sperimentazione di un possibile vaccino è iniziata proprio lunedì scorso negli Stati Uniti. Quelli che guidano il lavoro hanno ribadito, pero’, che 12-18 mesi sono i tempi probabili per l'uso pubblico, nella migliore delle ipotesi.

Secondo gli esperti, solo ora i governi stanno iniziando a riconoscere la lunghezza del tempo necessario per il funzionamento delle misure di blocco e distanziamento totale. In questi giorni in paesi come l'Italia, anon si édiscusso della durata del blocco, forse dando per certo che ad Aprile di sarebbe tornati alla normalità. Ma non é cosi’. Secondo Elisabetta Gropelli, virologa e docente di salute globale presso la St. George's University di Londra, l’incertezza in questi casi énormale".Una volta che inizi l'isolamento,- afferma la virologa- come decidi quando fermarti? Una volta che entri, quando puoi uscire? "Finora, molte delle misure di allontanamento sociale che i paesi hanno annunciato sono previste per un periodo iniziale di diverse settimane. In Italia, le scuole e le università saranno chiuse e i viaggi senza un permesso speciale saranno vietati fino al 3 aprile, ma proprio nei giorni scorsi sta avanzando l’ipotesi di non riaprire le scuole prima di settembre. Nei Paesi Bassi, scuole, ristoranti e palestre saranno chiusi fino al 6 aprile. La presidentessa dell'Unione Europea ha proposto ed ottenuto il blocco di 30 giorni con divieto di viaggiare. Ma come resta probabile, almeno alcune di queste misure saranno estese.

"Le persone dovrebbero pensare a un minimo di settimane o mesi e, a seconda di come va, potrebbe essere più lungo", ha detto il capo del dipartimento medico del Regno Unito delle nuove restrizioni del suo paese. In Cina, dove il coronavirus è iniziato alla fine di dicembre, le severe misure di quarantena nelle città hanno permesso al Paese di ridurre drasticamente la diffusione, con il numero di nuovi casi giornalieri che sono passati da oltre 3.000 a febbraio a solo 16 di lunedì scorso per arrivare a quasi nessuno oggi. Ma i funzionari sanitari temono che una volta che la maggior parte delle persone inizierà a lasciare le proprie case e inizierà a mescolarsi normalmente, il virus ricomincerà rapidamente a diffondersi. Il rapporto imperiale avverte che se le strategie "intensive" volte alla soppressione non vengono mantenute nel Regno Unito e negli Stati Uniti , "La trasmissione riprenderà rapidamente, producendo potenzialmente un'epidemia paragonabile a quella che sarebbe stata vista se non fosse stato adottato alcun intervento". Gli autori del rapporto affermano che le misure di allontanamento sociale potrebbero essere allentate per brevi periodi di tempo ma dovrebbero essere reintrodotte "se o quando i numeri dei casi rimbalzano". Tuttavia, c'è motivo di sperare che le misure non debbano essere così difficili per questo intero periodo.

Il rapporto afferma che le strategie di soppressione potrebbero evolversi nel tempo se il virus può essere controllato. Ad esempio, se un paese riesce a ridurre la diffusione del virus e del carico di lavoro con misure di blocco, potrebbe impostare sofisticate misure di tracciamento dei contatti e di quarantena, come quelle attualmente in uso nella Corea del Sud, dove sono state testate oltre 270.000 persone. La Corea del Sud, che all'inizio di marzo ha avuto il peggior focolaio al di fuori della Cina, è riuscita a rallentare il tasso di nuove infezioni senza introdurre misure di blocco. Invece, il paese ha effettuato test su vasta scala e ha rintracciato in modo aggressivo i contatti dei pazienti monitorando i loro movimenti attraverso le transazioni con carta di credito e l'uso del telefono cellulare, nonché diffuse telecamere di sorveglianza, consentendo loro di isolare coloro che erano a rischio. Una campagna di informazione pubblica trasparente ha anche aiutato le persone a stare lontano dai quartieri ad alto rischio e ad intraprendere altre azioni per proteggersi.

Aris Katzourakis, professore di evoluzione e genomica all'Università di Oxford, afferma che le misure di distanziamento sociale aggressivo attuate ora potrebbero "guadagnare tempo" Per il Regno Unito e altri paesi alla fine di implementare misure di monitoraggio e sorveglianza ad alta tecnologia. Tuttavia, afferma, i paesi dovrebbero rallentare la diffusione del virus, riducendo il numero riproduttivo di base della pandemia - il numero di persone che ciascuno la persona che ha il virus infetterà, dalla sua attuale media stimata tra 2 e 2,5 fino a solo 1".Una volta raggiunto il controllo, con molta sorveglianza mirata, ci sono modi per rilassare localmente le restrizioni e tornare a un certo livello di attività e libertà", afferma Katzourakis".

(Ma) non sarà mai più lo stesso fino a quando non ci sarà una cura o un vaccino. Il ritorno alla normalità non è semplicemente qualcosa che dovremmo aspettarci di vedere a breve. Il mondo come lo conoscevamo é cambiato. Dobbiamo adattarci e continuare a vivere, creando nuove abitudini e vivendo al meglio la nostra realtà.

Di Margareth Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome