(foto depositphotos)

L'aveva definita "uma gripezinha", "un'influenza da poco", ma si è dovuto ricredere nel giro di poche ore. Il numero uno brasiliano Jair Bolsonaro ha visto il suo Paese in ginocchio a causa dell'impennata vertiginosa di casi di coronavirus registrata negli ultimi giorni: dai 4.500 del weekend scorso agli 8.000 di ieri, e 300 vittime; un tasso di crescita di circa il 60%, il più alto finora. La vittima più giovane è un ragazzo di 23 anni. Lo Stato di San Paolo, il più popoloso del Paese, detiene quasi la metà dei casi (3.506).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome