New York si è fermata per l'11 settembre. Le celebrazioni in ricordo delle vittime dell'attacco terroristico quest'anno sottotono a causa della pandemia ha costretto la città che non dorme mai a spegnere le luci e a interrogarsi su un futuro che appare quantomai incerto. Con i divieti di assembramento in vigore e il timore di un nuovo balzo dei casi di coronavirus, le commemorazioni al World Trade Center hanno visto come protagoniste solo le famiglie delle vittime: nessun palco è stato allestito, ma ci sono stati decine di distributori di disinfettanti per le mani.

La lettura dei nomi delle 2.700 vittime è stata registrata e trasmessa in streaming. Il Museo dell'11 settembre comunque ha riaperto per l'occasione dopo sei mesi di stop, con l'accesso garantito solo per i componenti delle famiglie delle vittime. A non cambiare solo il suono delle campane per ognuno degli attacchi e i fasci di luce al posto delle Torri Gemelle. Un ridimensionamento delle celebrazioni che ha scatenato polemiche nonostante i numeri mostrino chiaramente l'impatto della pandemia sulla Grande Mela: le vittime del virus a New York sono 23.741, quasi nove volte più dell'11 settembre.

Ma ad alcuni i numeri non bastano e denunciano come la pandemia sia solo una 'scusa' per violare l'impegno al 'Never Forget', mai dimenticare, a 19 anni di distanza dallo shock. Le polemiche sulle celebrazioni riflettono una città divisa, in difficoltà, che per ora sogna soltanto di tornare quello che era, ovvero una spumeggiante metropoli al centro del mondo. Per ora resta appunto un sogno: Midtwon con gli uffici chiusi appare quasi abbandonata, così come il Financial District, dove l'assenza dei banchieri si fa notare.

L'Upper East Side, il noto quartiere dei ricchi, sta lentamente riprendendo vita dopo mesi di deserto con il rientro in città di alcune - poche - famiglie per l'inizio delle scuole. I ristoranti in città possono ancora solo offrire pranzi e cene all'aperto: lo faranno fino al 30 settembre, poi potranno riaprire - con una capacità del 25% al massimo - i loro locali interni. Anche le palestre, riaperte da poco, lavorano a capacità limitata: è necessario prenotarsi settimanalmente per poter accedere alle strutture. I bar sono ancora chiusi e i musei solo su prenotazioni. ù

L'unica isola felice è Central Park, dove tutto è sempre perfetto e sicuro in un città che sta registrando un preoccupante balzo dei numeri dei senzatetto e della criminalità. La strada per tornare a splendere è quindi tutta in salita. Centinaia di migliaia di persone sono fuggite con la pandemia e non è chiaro quante torneranno, per questo la sfida per New York si presenta ben più difficile di quella del dopo 11 settembre: fra il lavoro a distanza e i rischi sanitari molti non vedono il motivo o la convenienza di tornare ad abitare in una delle città con le tasse più alte d'America e fra le più care al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome