Depositphotos

"I turisti lasciano l'Italia e il paese rischia una 'catastrofe'". E' il titolo di apertura sulla homepage del sito della Cnn, che dipinge un quadro allarmante sull'industria del turismo e gli effetti della pandemia di coronavirus sulla situazione economico-finanziaria del nostro Paese. "I turisti sono quello di cui abbiamo bisogno per andare avanti - ha detto Cassandra Santoro, amministratore delegato e fondatrice di Travel Italian Style, intervistata dall'emittente americana - Le nostre guide, gli autisti e i lavoratori dal Piemonte alla Sicilia, che pensavano sarebbero rimasti senza lavoro per una stagione, sono ora alla ricerca di altri posti di lavoro e fonti di reddito”. Nonostante il 60% degli italiani sia riuscito a partire per le vacanze – la maggior parte dei quali all'interno dei confini nazionali – e il piccolo influsso di visitatori europei, le previsioni economiche rimangono pessime, sottolinea la Cnn. "La perdita prevista per il 2020 dalla riduzione dei visitatori stranieri in Italia è di 24,6 miliardi di euro e anche la spesa dei viaggiatori nazionali è diminuita di 43,6 miliardi", afferma Giorgio Palmucci, presidente dell'Enit, l'ente nazionale italiano per il turismo. Nonostante le speranze di crescita e ripresa nei prossimi due anni, "si prevede che tutte le città italiane subiranno un impatto negativo significativo – ha aggiunto – in particolare quelle più dipendenti dai visitatori internazionali come Firenze, Venezia e Roma". Le statistiche non forniscono dati più confortanti. Confimpresa ha riferito come il 70 per cento degli hotel in città come Roma e Firenze, e il 20 per cento nelle zone costiere, non ha mai riaperto dalla fine del lockdown. Mentre, secondo L'Istat, il 60 per cento delle imprese di settore teme un collasso imminente dell'industria.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome