Per i giudici l'uomo "era esasperato dalla condotta troppo disinvolta della donna". Questa la motivazione per cui i giudici hanno deciso di ridurre la pena del 63enne di Milano condannato per aver sequestrato, picchiato e violentato la sua ex convivente: precisamente, la sentenza è passata da 5 anni a 4 anni e 4 mesi in Appello.

La vicenda, per fare il punto della situazione, risale a più di un anno fa. Siamo nella notte dell'8 giugno 2019, quando a Vimercate - provincia di Monza - il 63enne sequestra la sua convivente nella loro roulotte e lì la picchia, minacciandola anche di morte, e la violenta fino all'arrivo, al mattino, dei carabinieri allertati dalla figlia. Il motivo? Il carnefice l'accusava di averlo tradito con altri uomini conosciuti su Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome