Stella Kyriakides

Il coronavirus è una minaccia ancora molto forte in Europa. Lo stato di diffusione del virus e il numero di contagiati desta gravi preoccupazioni ai vertici della commissione europea. "La situazione e’ anche peggiore del picco di marzo, e questo è molto pericoloso. Vuol dire che le misure di controllo adottate non sono state abbastanza efficaci o non sono state applicate, o non sono state seguite come avrebbero dovuto. Una valutazione del rischio pubblicata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) "ci mostra chiaramente che non possiamo abbassare la guardia", ha affermato il Commissario per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides .

"Siamo in un momento decisivo, e tutti devono agire con decisione e utilizzare gli strumenti che abbiamo ", ha detto Kyriakides, sottolineando che" questa potrebbe essere la nostra ultima possibilità per evitare un ripetersi della primavera scorsa". Il distanziamento sociale, l'igiene e le maschere per il viso non sono sufficienti a ridurre o a controllare l'esposizione, secondo l'ECDC. Il centro "richiede interventi non farmaceutici, strategie di test, tracciamento dei contatti, misure di quarantena, adeguata comunicazione del rischio e misure di protezione della salute mentale", ha affermato la Commissione. Il commissario Kyriakides ha aggiunto che le precedenti raccomandazioni di luglio sulla lotta al COVID-19 sono più valide che mai. Gli Stati membri dovranno implementare immediatamente misure se vogliono evitare un nuovo blocco generale. Una proposta della Commissione per il coordinamento delle limitazioni ai viaggi è ancora in attesa di approvazione da parte del Consiglio.

"Gli Stati membri ne stanno ancora discutendo e devono fornire risultati più rapidamente", ha dichiarato la commissaria rifiutandosi di commentare le ragioni del ritardo. "È anche responsabilità di tutti mantenere le necessarie misure di protezione personale come l'allontanamento fisico, l'igiene delle mani e restare a casa quando ci si sente male", ha affermato il direttore dell'ECDC Andrea Ammon."La pandemia è tutt'altro che finita e non dobbiamo abbassare la guardia", ha aggiunto Ammon. Il direttore dell’ECDC ha lanciato l'allarme riferendosi ai dati nella valutazione del rischio effettuati dall’istituto che dirige. "Quello che stiamo facendo ora è raccomandare cosa è necessario fare per evitare un blocco. Come pacchetto, le misure avranno un impatto".

La responsabilità dell'attuazione delle misure spetta ai paesi. Alcune misure come l'allontanamento sociale sono state messe in atto da sempre ed è la misura più sicura. Secondo i dati dell’ECDC l'aumento delle infezioni non colpisce tutti i paesi allo stesso modo.In molti di essi, l'aumento è legato all'aumento dei test e alla "trasmissione intensa" tra le persone di età compresa tra 15 e 49 anni con casi prevalentemente lievi o asintomatici, ma in alcuni di essi l'aumento delle infezioni colpisce principalmente gli individui più anziani "e di conseguenza un aumento percentuale di casi ospedalizzati e gravi ", ha detto l'agenzia sanitaria.

La Spagna ha attualmente il più alto tasso di incidenza di 14 giorni nel blocco con 320 casi ogni 100.000 abitanti. È seguita da Repubblica Ceca (229,4), Francia (204,5), Lussemburgo (173,8) e Malta (140,6). Anche Belgio, Paesi Bassi, Ungheria e Austria hanno tassi che superano i 100 casi per 100.000 abitanti. Il direttore Ammon ha ammesso che l'uso delle maschere per il viso varia in base al paese e ha commentato che dovrebbero essere utilizzate ogni volta che non è stato possibile rispettare le distanze sociali. Per quanto riguarda la questione della durata delle quarantene, ha rivelato che è in discussione presso l'ECDC.

Per il momento, il periodo consigliato è di 14 giorni, ma alcuni paesi lo hanno abbreviato e combinato con ulteriori test. Interrogato sul significato degli indicatori epidemiologici, il direttore ha affermato che il numero di nuovi casi di persone infette dipende dal numero di test che viene effettuato. È necessario esaminare la percentuale di persone risultate positive poiché un aumento della velocità indica un aumento della trasmissione ed è un chiaro segnale di allarme. Ammon fatto riferimento ad una tabella inserita nel rapporto presentato dall’istituto, che mostra i tassi di notifica dei casi e i tassi di test per 100.000 abitanti, e la percentuale di persone risultate positive tra quelle testate, per paese nella settimana 37 (7-13 settembre).

La positività del test varia notevolmente da paese a paese, con il Belgio da qualche parte all'estremità inferiore con un tasso del 3,1%.L'Europa è la terza regione più colpita al mondo, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, con 5.320.422 casi confermati. Ciò include 106.887 casi confermati in Belgio. Un appello ai paesi membri a correre ai ripari per evitare una ondata di contagi e decessi peggiore di quella avvenuta a marzo 2020.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome