Il bilancio dei bombardamenti in Siria è drammatico. Come riferisce l’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus) nell’ultima settimana hanno perso la vita quasi 500 civili sulla Ghouta orientale, enclave controllata da gruppi ribelli non lontana dalla capitale Damasco.

Una vera e propria strage, ancor più se si pensa che tra le vittime figurano anche 100 minorenni tra bambini e adolescenti.

Negli ultimi tre mesi il bilancio è agghiacciante: oltre 2mila i civili ammazzati.