Ansia e preoccupazione nel sud del Perù per la furia distruttiva dell’acqua. Le forti piogge degli ultimi giorni hanno provocato ingenti danni nel dipartimento meridionale della provincia di Cusco.

A Llusco, in particolare, una frana ha completamente devastato il paesaggio cittadino. Fango, acqua e rocce hanno distrutto un centinaio di case, una clinica ospedaliera e una scuola.

Il governo, su impulso del presidente Pedro Pablo Kuczysnki, ha dichiarato lo stato di emergenza, che durerà almeno per i prossimi 60 giorni. L’obiettivo prioritario, per le autorità di Lima, è quello di portare aiuto e assistenza a diverse centinaia di sfollati.