Dall’Italia sono arrivati 300 rosari che subito sono stati consegnati al convento delle Carmelitas Descalzas al fine di formare parte dell’altare che si sta preparando in vista della beatificazione di Maria Felicia de Jesus Sacramentado, conosciuta da tutti come ‘Chiquitunga’.

In attesa di conoscere la data della cerimonia di beatificazione, sarà la prima donna paraguaiana Beata, tutti i fedeli stanno collaborando alla raccolta di 20.000 rosari che serviranno per comporre il ritratto di Chiquitunga, che sarà opera dell’artista Koki Ruiz. I rosari dall’Italia sono stati portati dall’ambasciatore presso la Santa Sede del Paraguay, Esteban Kriskovich e consegnati nelle mani della Madre Superiora del convento delle Carmelitane Scalze di Asuncion, la Sorella Maria Raquel.

Una volta ricevuto il dono italiano, la religiosa ha affermato di essere in trepidante attesa per la notizia della prossima beatificazione di Chiquitunga: “Sempre più vicina – ha aggiunto la Madre Superiora – e voglio ringraziare la collaborazione di tutte le persone che hanno voluto aderire alla Campagna del Rosario, simbolo della orazione di tutto il popolo. Uniti nelle preghiere affinché Chiquitunga sia conosciuta da tutti i paraguaiani e che possa dare a tutti i compatrioti quella gioia che lei ricevette dal Signore e quel sorriso che ebbe da Gesù”.

Maria Felicia Guggiari Echeverria, questo il suo nome prima di prendere i voti, era nata a a Villirica il 12 gennaio 1925 e morì giovanissima, il 28 aprile 1959 a causa di una epatite. Fu solo all’età di trent’anni che, vincendo la opposizione paterna, entrò in convento, prendendo l’abito il 14 agosto 1955. “Nei quattro anni che visse con noi – hanno raccontato le monache del convento – la cara Sorella si caratterizzò per il suo grande spirito di sacrificio, carità e generosità”. Diversi sono stati miracoli attribuiti a Chiquitunga.