Oggi, 25 aprile 2018, si celebrerà il 73esimo anniversario della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo. La data coincide con la riconquista, da parte delle forze partigiane e degli anglo-americani, delle città di Milano e Torino. Il periodo coincide più o meno esattamente (resa consegnata a tutti gli effetti il 29 aprile a Caserta) con la fase conclusiva della parabola vissuta dalla Repubblica di Salò, voluta dal Governo nazista nel 1943 e affidata alla guida di Benito Mussolini; considerata dalla quasi totalità della storiografia uno “stato fantoccio”, la RSI venne definita dal decreto luogotenenziale 5 ottobre 1944, n. 249 in merito all’”Assetto della legislazione nei territori liberati” quale “sedicente governo della repubblica sociale italiana”.

Nel periodo vicino alla Liberazione dell’Italia si svolgono alcuni degli ultimi importanti eventi della Seconda Guerra Mondiale, almeno per quanto riguarda l’esperienza italiana. Sul finire del mese l’Italia riprende la sostanziale piena sovranità dei suoi territori, affrancandosi dalla dittatura alla quale è stata soggetta nel cosiddetto Ventennio fascista. Inviare i propri auguri per un buon 25 aprile può quindi essere visto come un modo per celebrare la libertà riconquistata da parte degli italiani, ma anche per alimentare il ricordo di fatti che non possono né debbono cadere nell’oblio.

Gli antifascisti dell’Anpi nel classico corteo con partenza davanti alla regione Lazio e arrivo a San Paolo. E poi proiezioni di film storici sulla Resistenza alla Piramide Cestia e un palco dove sono previsti interventi degli attivisti. Roma si prepara a festeggiare il 73mo anniversario della liberazione dell’Italia dal nazifascismo, che coincide quest’anno con il 70mo dell’entrata in vigore della Carta Costituzionale e dell’80esima ricorrenza della promulgazione delle leggi razziali.

Una giornata che vedrà una serie di iniziative di memoria sparse per la città, stavolta nel segno dell’unità. Roma Capitale, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e la Comunità ebraica di Roma hanno infatti firmato un accordo affinché la manifestazione indetta come ogni anno su appello dell’Anpi per la mattina del 25 aprile sia una grande manifestazione antifascista, largamente unitaria e inclusiva, pacifica e di massa.

La partenza è fissata alle 9 e 30 in via Genocchi, al parcheggio davanti alla regione Lazio. Il corteo si snoderà tra i quartieri di Garbatella e Ostiense per raggiungere Porta San Paolo. In contemporanea, tra gli appuntamenti istituzionali, è prevista la deposizione da parte della sindaca Raggi di una corona d’alloro all’Altare della Patria e la tradizionale commemorazione con il presidente Zingaretti alle Fosse Ardeatine.

Mentre alle 18, sempre a Piramide Cestia, è prevista la manifestazione “Il coraggio di ricordare”, con la proiezione di sequenze di film storici sulla Piramide e sulla facciata del
Castello.