Giovinco

Sebastian Giovinco, 31 anni, si è recentemente 'aperto' sui suoi problemi contrattuali con il Toronto FC. L'azzurro, 31 anni, attualmente è il giocatore più pagato della MLS, superando i 7 milioni di dollari l'anno.

Ma in arrivo c'è la scadenza, nel 2019, ecco allora che dovrebbero iniziare già i colloqui, ma la società canadese, almeno al momento non sembra disposta ad avviare il dialogo. "Sono felice a Toronto - ha dichiarato - ma la conquista del titolo l'anno scorso ha in qualche modo rallentato, o meglio posticipato, le trattative. Io ne parlo già, ma i dirigenti hanno detto che non è il momento. Per loro non è un problema, per me invece, un po', lo è".

Una pausa poi lo sfogo, se così si può chiamare. "Voglio conoscere il mio futuro - ha continuato - ho una famiglia e ho anche 31 anni. Per quello che faccio per la città penso di meritarmelo, no? Per loro non è un problema, per me sta cominciando a diventarlo. Io l'ho già detto che voglio rimanere qui per sempre. Ma se non sarà così devo pensare ad altre opzioni".

Giovinco, nei suoi quattro anni passati alla MLS si è trasformato in uno dei giocatori più prolifici della lega americana con 60 gol realizzati e anche la nomina a MVP della stagione nel 2015. Ha guidato Toronto là dove la società canadese non era mai arrivata: il titolo della MLS, il Canadian Championship e la finale, poi persa ai rigori con il Chivas Guadalajara, della CONCACAF Champions League, dove il bomber italiano ha vinto il Golden Ball.

Nato a Torino il 26 gennaio 1987, Giovinco ha cominciato alla Juventus, poi i prestiti a Empoli e Parma, per poi tornare in maglia bianconera dove è rimasto fino al 2015, prima di iniziare l'avventura in America. È stato anche in maglia azzurra, 23 presenze con la nazionale italiana, ma poi lasciato da parte dall'ex ct Ventura che non credeva nella competitività della MLS.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome