“Bisogna arrivare che i primi due facciano un ballottaggio. Chiunque prende un voto in più, poi governa per 5 anni”. Lo ha detto Matteo Renzi intervenendo nel corso del programma “Di Martedì”.

“Stop ai litigi, basta discussioni” ha sbottato l’ex premier parlando del Pd. “C’è una diversità profonda tra i populisti demagoghi, Lega e M5S, e i dem”, ha aggiunto e poi, riferendosi a Roberto Fico: “Un politico serio non è quello che si fa fare le foto perchè va al lavoro in autobus, come ha fatto il presidente della Camera, ma che mette le risorse per la manutenzione degli autobus. Oggi (ieri, ndr) a Roma ne sono andati a fuoco due”.

Tendenzialmente, ha rilanciato ancora l’ex segretario “il nostro candidato premier sarà Gentiloni, specie se si voterà presto. Naturalmente non lo voglio tirare per la giacchetta”. Spazio poi ai tempi lunghi che stanno richiedendo le trattative per il varo di un nuovo governo: “Dalla Lega – ha detto Renzi – arrivano segnali strani, con la richiesta a Berlusconi di farsi da parte per un governo politico con M5s, ci saranno novità? E’ una soap opera, non ci si capisce più niente, tutti i giorni ce n’è una nuova”.

“Sono passate 9 settimane e mezzo e non è successo niente, non so chi tra Di Maio e Salvini è Kim Basinger e chi Mickey Rourke” ha ironizzato l’ex presidente del Consiglio a proposito del tempo trascorso dal giorno delle elezioni senza che M5S e Lega siano riusciti a trovare un accordo per varare un esecutivo. “Flat tax, reddito di cittadinanza, la Fornero. Hanno promesso talmente tante cose che è impossibile reggere questa sfida e infatti stanno scappando a gambe levate dal governo”, ha concluso.