Lo scandalo corruzione su cui indaga la magistratura brasiliana varca i confini e sbarca nel vicino Paraguay. Un ordine d’arresto è stato infatti emesso dal tribunale di Asuncion nei confronti di Juan Pablo Jimenez Viveros, cugino del presidente uscente Horacio Cartes.

Jimenez Viveros, secondo quanto accertato dagli inquirenti, avrebbe cercato di svuotare due conti correnti in dollari riconducibili a due compagnie di investimenti immobiliari, la Chai Sa e la Matriz Realty Sa.

Dietro le due società, suggerisce il quotidiano Abc, ci sarebbe invece un faccendiere dalla fama fumantina, Dario Messer, già ricercato dall’Interpol proprio nell’ambito dell’inchiesta Lava Jato.