Jair Bolsonaro

Con l’annunciata elezione al ballottaggio di Jair Bolsonaro, che ha promesso di “cambiare il destino del Brasile”, il più grande Paese dell’America Latina vira a destra. Al termine di una compagna elettorale assai tesa, nel corso della quale il candidato dell’estrema destra è stato addirittura accoltellato, l’ex militare di lontane origini italiane (i suoi avi erano originari del Veneto) è stato eletto con quasi 58 milioni di voti – il 55,13 per cento delle preferenze – mentre il suo avversario e candidato di sinistra, Fernando Haddad, si è fermato al 44,87 per cento.

“BASTA FLIRT CON IL COMUNISMO”
“Non possiamo più continuare a flirtare con il socialismo, il comunismo, il populismo di sinistra”, ha affermato Bolsonaro durante il suo primo discorso da presidente eletto: a gennaio giurerà per un mandato di quattro anni.

“DIFENDERO’ LA COSTITUZIONE E LA DEMOCRAZIA”
Circondato” dalla terza moglie Michelle e da un pastore evangelico, Bolsonaro ha promesso che il suo governo “difenderà la Costituzione, la democrazia, la libertà“. Questa “non è né la promessa di un partito, né la parola vana di un uomo, ma è un giuramento di fronte a Dio”, ha proseguito, rispondendo ai suoi detrattori che lo considerano una minaccia per la democrazia.

FUOCHI D’ARTIFICIO A BARRA DE TIJUCA
Fuochi d’artificio sono stati sparati sulla spiaggia di Barra da Tijuca, dove decine di migliaia di sostenitori del leader dell’ultradestra si erano dati appuntamento davanti all’abitazione del neo presidente per celebrarne la più che probabile vittoria.

TENSIONI E “SPINTONI” A RIO
Il Brasile è stato liberato dal comunismo, dal comunismo di Cuba e del Venezuela”, hanno gridato i manifestanti. Ci sono stati tensioni e spintoni a Rio tra contrapposti schieramenti e una donna è stata inoltre ferita a Salvador de Bahia (nordest), ma non è in pericolo di vita.

I COMPLIMENTI DI TRUMP
Tra i primi a complimentarsi con lui, il presidente americano Donald Trump. Il “presidente Trump ha chiamato questa sera il presidente eletto del Brasile, Bolsonaro, per congratularsi con lui, oltre che con il popolo del Brasile, per le elezioni di oggi”, ha dichiarato Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca.

IL TWEET DI SALVINI
Il ministro degli Interni italiano e leader della Lega Matteo Salvini ha dedicato un tweet dai toni trionfalistici a Bolsonaro: “Anche in Brasile i cittadini hanno mandato a casa la sinistra! Buon lavoro al Presidente Bolsonaro, l’amicizia fra i nostri Popoli e i nostri Governi sarà ancora più forte. E dopo anni di chiacchiere, chiederò che ci rimandino in Italia il terrorista rosso Battisti”.

CASO BATTISTI, IL FIGLIO DI BOLSONARO A SALVINI: “REGALO IN ARRIVO”
Immediata la replica da parte di Eduardo Bolsonaro, figlio del neo presidente brasiliano, che ha risposto al tweet del ministro dell’Interno Salvini con un altro tweet in italiano in cui annuncia che “il regalo è in arrivo”. “Il regalo è in arrivo! Grazie per il supporto, la destra diventa più forte”, ha scritto condendo il tweet con le emoticon delle bandierine italiana e brasiliana, oltre che di manine di ringraziamento.