Sono più di 400 i feriti, 409 secondo l’ultimo bollettino: cresce nelle proporzioni e nei numeri il bilancio, già drammatico, delle proteste dei “gilet gialli” in Francia, il movimento spontaneo di manifestanti, per lo più rurali, contro il caro-petrolio.

Quattordici sono i feriti gravi, mentre 282 sono le persone arrestate, come rende noto il ministro Cristophe Castaner: “Siamo di fronte a una disorganizzazione totale, hanno tentato di entrare nelle prefetture, ci sono state azioni di grande violenza”, la denuncia del titolare del dicastero.

Intanto proseguono i blocchi nelle strade di grande comunicazione: 40 sulle autostrade, perpetrate durante la notte da 3500 gilet gialli in azioni. Intanto sprofonda la popolarità di Emmanuel Macron, scesa al 25 per cento secondo una ricerca Ifop.