Sfiorano i 100 milioni di euro i danni diretti e indiretti all'agroalimentare e alla pesca in Liguria causati dal crollo del ponte Morandi a Genova e dal maltempo. E' quanto stima la Coldiretti sulle conseguenze dei disastri che hanno colpito la regione da est a ovest, dalle montagne al mare, in occasione della mobilitazione #iostoconlaLiguria con oltre un migliaio di agricoltori, allevatori e pescatori che insieme a tanti cittadini hanno assediato il porto di Genova per chiedere interventi su viabilità, burocrazia e imprese. Le violente ondante di maltempo - spiega la Coldiretti - hanno duramente colpito il settore olivicolo, le serre e il settore della pesca e acquacoltura ma causato anche frane e smottamenti in un territorio ad alto rischio idrogeologico. Mentre il crollo del ponte Morandi ha cancellato una via di collegamento fondamentale per l'intera economia ligure con i tempi di viaggio che si sono allungati di un'ora con rincari dei costi di trasporto anche per le aziende florovivaistiche della Piana di Albenga che portano i loro prodotti in Toscana. La Liguria - spiega la Coldiretti - e' in una posizione strategica per i collegamenti terresti con la Francia e sulla direttrice verso Milano e Torino a nord e verso la Toscana e l'Emilia Romagna al centro sud con carichi di fiori, piante, olive come le pregiate taggiasche, le mimose, l'olio e il vino dei declivi terrazzati protetti dai tradizionali muretti a secco proclamati patrimonio dell'umanità dall'Unesco. Senza dimenticare l'attività di pesca sulle coste e la logistica dei collegamenti con il porto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome