Francesco Strangio, il latitante arrestato la scorsa notte a Rose dai carabinieri, viene definito dai militari un “pluripregiudicato” e ritenuto contiguo alla cosca Strangio-Janchi di San Luca. Strangio deve scontare una condanna a 14 anni di reclusione per narcotraffico internazionale per avere negoziato e gestito l’importazione di ingenti quantità di cocaina dal Sudamerica. Nell’operazione che ha portato all’arresto di Strangio sono stati impiegati anche i carabinieri dello Squadrone Cacciatori di Vibo Valentia.