Antonio Conte (Foto Depositphotos)

Era uno dei papabili più accreditati, forse quello maggiormente gradito alla piazza: invece, Antonio Conte non allenerà la Roma. L’ex Ct della nazionale ha detto ‘no, grazie’ alle avances dei giallorossi e lo ha rivelato nel corso di una chiacchierata con Walter Veltroni, pubblicata sull’edizione odierna della Gazzetta dello Sport.

“Mi sono innamorato di Roma frequentandola nei due anni in cui sono stato alla Nazionale. All’Olimpico senti la passione da parte di questo popolo che vive il calcio con un’intensità particolare”, ha detto Conte. “Oggi le condizioni non ci sono ma penso un giorno, prima o poi, io andrò ad allenare la Roma“.

Insomma, forse domani. Ma oggi no. Un duro colpo per Pallotta, che ora – secondo i rumors che arrivano dall’Inghilterra – si sarebbe fiondato nuovamente su Maurizio Sarri. Una pista più percorribile – sotto tutti i punti di vista, in primis quello economico – rispetto a José Mourinho. A patto che l’ex allenatore del Napoli lasci davvero i Blues a fine stagione.