(foto Depositphotos)

L’Europa riapre lentamente. Un processo lento e accorto che tiene conto dei dati di infetti e morti. L’UE sente l’urgenza di riaprire spiragli per l’economia e per riavviare i cittadini ad una vita fuori dal confinamento. Ma nessun ritorno alla normalita’. Restano le regole valide durante il confinamento. Distanziamento sociale, protezione di viso e mani e soprattutto attenzione massima ad evitare contagi. I confini svizzeri con Francia, Germania, Austria riapriranno il 15 giugno. La consigliera ha fatto le sue osservazioni a seguito di una riunione del Consiglio federale. Lo sviluppo positivo della pandemia lo rende possibile. Questa decisione è stata presa congiuntamente con i ministri degli interni dei tre paesi interessati, ha affermato Keller-Sutter. Francia, Germania e Austria sono attualmente in un periodo di deconfinamento e presentano una situazione epidemiologica simile alla Svizzera. Il Consiglio federale specificherà i dettagli di questa risposta di emergenza il 27 maggio. Anche il Dipartimento federale di giustizia e polizia è in contatto con l'Italia, ha aggiunto il consigliere. La situazione è diversa rispetto a quella degli altri tre paesi vicini della Svizzera. Il traffico all'interno dell'Italia è ancora limitato ed è ancora difficile dire quando si apriranno i suoi confini. Mercoledì scorso, il ministro del turismo austriaco Elisabeth Köstinger aveva già annunciato che Austria e Germania avrebbero riaperto il loro confine comune. Ed infatti proprio dal 15 giugno verrà aperto il confine tra i due paesi ", ha annunciato il ministro del turismo austriaco di Elisabeth Köstinger alla radio pubblica. La decisione presa "dopo le discussioni" tra i leader dei due paesi sarà preceduta da un graduale allentamento delle condizioni per l'attraversamento delle frontiere, a partire dal 15 maggio. Il Belgio farà il prossimo passo fuori dal blocco da lunedì 18 maggio, ha deciso mercoledì il Consiglio di sicurezza nazionale. La fase 2 del piano di uscita entrerà in vigore da lunedì, il che significa che molte misure saranno allentate, ma non tutte. Questo è ciò che cambierà. I bambini torneranno a scuola da lunedì. I parrucchieri sono autorizzati a ricevere nuovamente i clienti, ma solo su appuntamento. I parrucchieri, così come i clienti, devono indossare maschere per il viso o protezione del naso. Le misure di distanza sociale devono essere rispettate il più possibile, soprattutto tra i clienti. Altri, come tatuatori e centri estetici, possono anche riaprire le loro porte. Le persone saranno in grado di visitare musei e altre attrazioni culturali, come edifici storici, di nuovo, ma solo se l'istituzione istituisce un sistema di biglietti online e adotta le misure appropriate in materia di distanza sociale. Andare di nuovo allo zoo o in un parco divertimenti sarà nuovamente consentito, se hanno un sistema di biglietti online. Ai matrimoni e ai funerali, fino a 30 persone saranno autorizzate a partecipare alla cerimonia, se è possibile garantire una distanza sociale sicura. L'organizzazione di un ricevimento di una festa in seguito non è ancora consentita. Piccoli mercati a cielo aperto, fino a un massimo di 50 bancarelle, possono avere luogo di nuovo, con l'approvazione del comune in cui si svolge. È necessario elaborare un piano di circolazione e i venditori e gli altri agenti devono indossare maschere. Si consiglia vivamente ai clienti di fare lo stesso. I club sportivi possono ricominciare ad allenarsi, ma solo all'aperto. Deve essere presente un allenatore e possono partecipare al massimo 20 persone. Le caffetterie rimangono chiuse. Le persone che arrivano in Spagna dall'estero saranno soggette a una quarantena di 14 giorni, e per la durata dello stato di emergenza, secondo una decisione del governo pubblicata nella Gazzetta ufficiale (BOE). Attualmente, lo stato di emergenza nel paese dovrebbe concludersi il 24 maggio, ma potrebbe essere esteso. In tal caso, le restrizioni di viaggio continueranno ad applicarsi. La Spagna sta seguendo simili misure temporanee di quarantena promosse in molti altri paesi europei tra cui il Regno Unito. Quelle persone messe in isolamento saranno autorizzate solo ad uscire per acquistare beni di prima necessità o cercare cure, indossando sempre una maschera, dice il testo. Sarà responsabilità delle agenzie di viaggio e delle compagnie di trasporto informare i potenziali clienti su questi requisiti e se avrà un impatto sul loro viaggio. In base alle nuove misure, i passeggeri riceveranno una carta di posizione del passeggero che devono avere con sé quando entrano nel paese. Molti che dovranno attraversare le frontiere per lavoro saranno esclusi dall'ordine di quarantena, a condizione che non siano stati in contatto con nessuno che sia risultato positivo per il nuovo Coronavirus (Covid-19). "L'evoluzione favorevole della situazione epidemiologica" e l'avvio del processo di riduzione della popolazione "rendono necessario rafforzare le misure di controllo" basate sulla distribuzione globale del virus, ha spiegato il governo.

da Bruxelles
MARGARETH PORPIGLIA