Depositphotos

Sette colpi in cinque secondi. Tanti ne riuscì a sparare John Hinckley al presidente Ronald Reagan nel 1981. Quel mancato assassinio fu perfino più grave dell'omicidio Kennedy, perché dimostrò l'assoluta perforabilità della sicurezza attorno all'uomo più potente del mondo. A Dallas, infatti, il killer sparò dal sesto piano, a centinaia di metri di distanza. A Washington, invece, Reagan fu colpito da pochi metri.

Quarant'anni dopo, il problema è sempre lo stesso. Quant'è vulnerabile l'impero americano? Gli Stati Uniti dominano il pianeta, spendono 800 miliardi di dollari ogni anno per le forze armate (Cina ed Europa 260, la Russia 70).

Eppure centinaia di pazzoidi addobbati da bisonti cornuti riescono a entrare nel cuore del loro sistema, il palazzo del Congresso, proprio mentre Camera e Senato sono riuniti in sessione congiunta per una delle occasioni più sacre: la proclamazione del nuovo presidente.

I grillini promettevano di aprire il nostro Parlamento "come una scatola di tonno". I complottisti trumpiani lo hanno fatto.

Così, blindatissimi all'esterno, gli Usa si ritrovano indifesi all'interno. Gli americani, allibiti, scoprono che a proteggere il Campidoglio c'è una forza apposita, la Capitol police, forte di duemila agenti. I quali tuttavia ieri erano impotenti quanto i vigili urbani. Dotati di manganello, ma impediti dall'usare "lethal force" contro l'onda di assalitori. Un video di HuffPost Usa mostra un povero agente di colore che arretra davanti agli energumeni provvisti di aste di bandiera: scappa su per le scale, non osa menare la prima randellata perché sa che avrebbe la peggio.

Mai sottovalutare l'idiozia della burocrazia. Nella sola Washington coesistono ben sei corpi di polizia locale. Con lo stesso affiatamento che affratella e coordina i nostri carabinieri e poliziotti. Poi c'è l'Fbi federale. Poi la Guardia nazionale, che però dipende dal Pentagono. Quella di Washington ha solo mille effettivi, quindi ieri sera (dopo ore e ore) sono scesi in campo gli stati vicini, Virginia e Maryland. Fino alla mossa comica del governatore di New York, che ha inviato un suo contingente.

Gli Usa spendono ogni anno 115 miliardi per le varie forze dell'ordine. Ma a controllare le manifestazioni politiche ci sono anche i servizi segreti. E qui, ecco l'ulteriore barzelletta: l'intelligence statunitense è divisa in sedici agenzie. Cia, Dia, Nsa, sicurezza interna ed esterna, ogni arma ha le proprie spie, e poi il ministero dell'Energia, e volete mettere la Home Security, il nuovo ministero dell'Interno federale messo in piedi dopo l′11 settembre 2001? Il suo bilancio è di altri 50 miliardi, più i 78 totali dell'intelligence.

Quanto all'intelligenza, quella vera, non poteva prevedere che il capo dei nuovi terroristi all'assalto del Palazzo in questo inverno non fosse un imam islamista, ma un vecchio signore che ieri ha aizzato per un'ora 40mila persone, invitandole ad andare poi al Congresso a dimostrare. E quelli hanno dimostrato, mandati dal capo dei poliziotti che avrebbero dovuto fermarli.

Il nero George Floyd è stato fermato per un biglietto falso da venti dollari, lo scorso maggio. È finito soffocato. La povera Ashli Babbit, penetrata nel Senato contro il voto "rubato", ieri è stata uccisa da un poliziotto terrorizzato. Ora anche i trumpiani potranno sventolare la loro martire. Ma "legge e ordine", lo slogan di Trump, non è più utilizzabile dalla destra Usa: i "patrioti" cospirazionisti si sono fatti male da soli.