Lunedì 11 gennaio si è tenuto, presso il Guotai Art Center della Municipalità di Chongqing, l’evento “Concerto dei Capodanni - Celebrazioni per il 2021 e l’Anno del Bue”, esibizione musicale pensata per celebrare le relazioni Italia-Cina in occasione del nuovo anno.

Organizzato dal Consolato Generale d’Italia a Chongqing, con il supporto di Chongqing Guotai Art Center, l’evento ha visto la partecipazione di esponenti delle autorità e dei media locali, delle rappresentanze consolari straniere a Chongqing e della comunità italiana.

“Nell’anno appena concluso, in cui si è celebrato il cinquantenario dello stabilimento delle relazioni diplomatiche sino-italiane, i nostri due Paesi si sono trovati ad affrontare molte sfide”, ha affermato il Console Generale Guido Bilancini nel suo discorso di apertura, “e ciò ha consentito di consolidare ulteriormente i rapporti di collaborazione in settori strategici”.

Il Console Generale ha poi sottolineato l’importanza che le cooperazioni in ambito musicale rivestono nelle relazioni tra Italia e Cina, considerate due vere e proprie “superpotenze culturali”.

Conclusi i discorsi ufficiali, si è dato il via alla performance musicale, diretta dal Maestro Roberto Fiore, musicista e direttore d’orchestra napoletano con una lunga esperienza in Cina e in altri Paesi del mondo, e dal Maestro Zhou Shenghong, direttore permanente dell’Orchestra Sinfonica e dell’Opera di Chongqing e dell’Orchestra Sinfonica di Xiamen.

La prima parte del concerto si è focalizzata sulla musica tradizionale cinese con i classici brani di Capodanno, come Festival Prelude e Ages of burning passion.

La musica italiana è stata invece protagonista della seconda parte, con una presentazione di brani del periodo che va dal Barocco fino al ventesimo secolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome