Altare della Patria (foto depositphotos)

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione del 76/o anniversario della Liberazione, si è recato presso l’Altare della Patria, dove ha deposto una corona d’alloro sulla tomba del Milite Ignoto. Alla cerimonia hanno partecipato tra gli altri il premier Mario Draghi, i presidenti di Camera e Senato e i rappresentanti dell'ANPI. "Questa giornata, per gli italiani, rappresenta la festa civile della riconquista della libertà. La vittoria dell'umanità sulla barbarie. Il giorno di un nuovo inizio, pieno di entusiasmo, portato a compimento con la Costituzione Repubblicana del 1948”, ha detto il capo dello Stato. "Il 25 aprile rappresenta uno spartiacque imprescindibile nella nostra storia nazionale", ha aggiunto poi Mattarella. "L'Italia - affrancatasi, con il sangue di migliaia di martiri, da vent'anni di dittatura e di oscurantismo - tornò a sedersi nel novero delle nazioni civili, democratiche, pacifiche, dopo la guerra sanguinaria in cui era precipitata con il fascismo”.