foto depositphotos
Carrara è la capitale mondiale del marmo. Famosa in ogni angolo della globo per quella roccia così speciale che nei secoli ha attirato grandi artisti e non smette di farlo nemmeno ora. Ma Carrara è anche la capitale di coloro che nel marmo ci lavorano. Come il caso di Giuseppe Telara, la cui famiglia è marmista da addirittura sette generazioni. Ma per incontrare Telara non si deve andare a Carrara, ma attraversare l'Atlantico e fermarsi nell'Alabama. E dall'anno scorso ha portato la sua grande esperienza per lo sviluppo di AM3 Stone, marmo dell'Alabama. "Ho cercato di non farmi coinvolgere dal marmo - ha spiegato - perchè è quello che hanno fatto tutti in famiglia, da sei-sette generazioni. Quindi ho cercato altre strade e in effetti sono un architetto. Poi però, alla fine sono stato preso anch'io dagli affari della famiglia, mi hanno chiesto di seguire il mercato USA, ecco perchè sono qui dal 1993. E il marmo dell'Alabama è più forte e denso di quello italiano, anche traslucido: quando si taglia passa la luce".