(foto: depositphotos)

5Stelle e Pd: ci eravamo tanto amati. E’ praticamente saltata l'alleanza “giallorossa” per le comunali di Roma e Torino, due tra le grandi città del Belpaese chiamate a rinnovare i rispettivi Consigli comunali (si vota anche a Napoli) e dove pure Movimento e Dem, fino a non molti giorni fa, erano dati ad un passo dall’accordo.

Così non è andata. Anzi, l’intesa potrebbe saltare anche in caso di eventuale passaggio di uno dei due aspiranti sindaco al secondo turno. Per capirci, all’ombra della Mole, la sindaca uscente, Chiara Appendino (M5S), ha negato la possibilità di un appoggio ai Dem in caso di ballottaggio. E a Roma solo il Nazareno sembra sicuro che i pentastellati daranno una mano al loro candidato (Roberto Gualtieri) qualora questi dovesse giungere al secondo round, perché dalle fila grilline non è giunta alcuna conferma in tal senso. "Non c'è spazio per un accordo strategico con i grillini a Roma" si è affrettato a sgomberare il campo dagli equivoci il leader di Italia Viva Matteo Renzi.

Intanto, sul fronte centrodestra, l’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso ha smentito la propria candidatura nella Capitale: "Se ne facciano tutti una ragione" le sue parole. Insomma, servirà il tavolo dei leader per sbrogliare la matassa. La settimana prossima, secondo quanto riportato oggi dal coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani, Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi potrebbero vedersi per cercare di individuare un nuovo nome.