(foto depositphotos)

“I Comuni sono tenuti a riconoscere ai nostri pensionati all’estero il diritto all’esenzione del 50 per cento sull’Imu. Tale agevolazione vale per chiunque prenda una pensione maturata in almeno un altro Paese oltre all’Italia, sia che si tratti di uno Stato comunitario, sia fuori dall’Europa. Gli unici Paesi esclusi sono il Messico e la Repubblica di Corea, perché solo in questi due singoli casi non è prevista la totalizzazione dei contributi in pro-rata”. Lo ha dichiarato la senatrice eletta nella ripartizione Europa Laura Garavini, vicepresidente della Commissione Esteri e vice capogruppo vicaria di Italia Viva-Psi, intervenendo in diretta a Radio Lora.

Garavini ricorda che “il sottosegretario del Ministero dell’Economia Durigon, rispondendo a una nostra specifica interrogazione in commissione Finanze, ha confermato quanto sostengo da settimane, ossia che le amministrazioni locali devono dare seguito a quello che è a tutti gli effetti un diritto dei pensionati Aire, interpretando correttamente la legge. E riconoscendo loro l’agevolazione sull’Imu per il primo immobile posseduto in Italia”.

“Come Italia Viva abbiamo lavorato duramente per reintrodurre questa esenzione per i nostri italiani all’estero. E con la stessa determinazione stiamo difendendo il loro diritto a goderne – rileva Garavini. “Sono contenta – conclude – che il Ministero abbia chiarito definitivamente la questione”.

È possibile visionare la risposta del Mef in allegato e al seguente link.