Il bilancio è terribile e, purtroppo, soltanto provvisorio. Almeno quindici persone hanno perso la vita a causa delle piogge torrenziali che si sono abbattute sul settore occidentale del Venezuela.

Flagellati dal maltempo undici stati del paese. In un discorso trasmesso sulla televisione pubblica, il presidente Nicolas Maduro ha parlato di 35mila persone colpite direttamente dalle calamità e di 8mila case distrutte.

Problemi soprattutto nello stato di Merida a causa dell’esondazione del fiume Mocoties, che oltre a provocare danni alle colture ha fatto rimanere senza elettricità molte abitazioni nel territorio circostante.