Il presidente Mattarella premia "Gente d'Italia"
Questo giornale, 'La Gente d'Italia', si conferma essere in ottima salute. Una media di 15mila copie quotidiane vendute nelle edicole in allegato al 'El Pais' (uno dei media più importanti di tutto il Sud-America) e circa 20mila collegamenti al giorno sul sito: numeri davvero importanti che aumentano il sabato e la domenica, quando la tiratura va dalle 50mila alle 80mila copie.
Questo il sunto del 2021 per un giornale che può essere considerato oramai il piú seguito all'estero dedicato agli italiani nel mondo. Numeri che di certo si avvicinano di molto alle vendite degli stessi quotidiani all'interno del BelPaese, senza dimenticare che il nostro portale internet è visto in tutto il mondo, da Singapore al Sud-Africa passando per l'Australia, giusto per citare qualche Paese. Un giornale, 'La Gente d'Italia', citato anche all'interno dell'Aula del Senato in merito all'appello da noi lanciato sulla piattaforma change.org sulla vicenda dei brogli elettorali del 2018 che ha portato al decadimento dell'oramai ex senatore Adriano Cario (all'epoca dentro all'Usei e poi al Maie di Ricardo Merlo) a favore di Fabio Porta.
Inutile dire che il nostro primo ringraziamento va ai Lettori che da più di 20 anni continuano a seguirci con grande attenzione e che apprezzano il nostro modo di intendere il giornalismo: raccontare la verità, nuda e cruda. Criticando anche, quando necessario. Inutile dire che questo giornale non può piacere a tutti, le nostre critiche contro alcuni potentati non sono passate inosservate, in Sud-America così come nella stessa Italia. Le minacce (via mail, telefonate anonime, denunce diffamatorie sottoscritte da anonimi e falsi siti - come il fantomatico [email protected] dove sta giá indagando la Polizia Postale -  e inviate anche ad organi istituzionali ) che continuano ad arrivare per le nostre coraggiose prese di posizione in favore della legalitá ( ultima la denuncia di brogli relativa all'elezione per il Senato,  in sudamerica di Adriano Cario)  fanno purtroppo parte del gioco, ma per noi sono solo uno stimolo a dare ancora di più: significa che il nostro lavoro paga.
Certo sarebbe piú facile accontentare i potenti di turno, pubblicare le loro veline, chiudere gli occhi ed elogiare sempre e comunque il lavoro di politici, ambasciatori, consoli....a dispetto delle denunce e proteste dei connazionali....
No, non  lo abbiamo fatto in passato, in Italia, durante i nostri 50 anni e piú di giornalismo sul campo ( allora sí erano minacce vere, Bierre, camorra, mafia, 'ngrangheta, ....)  non lo faremo oggi....
Anzi, ci impegniamo a fare ancora di più: in queste settimane, come avrete visto, il cartaceo è in... pausa ( anche per l'aumento vertiginoso del costo della carta...): stiamo lavorando a nuove rubriche che lo renderà ulteriormente più ricco, così come lo stesso sito.
Cari Lettori, continuate a seguirci: c'è davvero tanto da raccontare ancora, con la speranza che questo 2022 possa essere meglio dell'anno passato. A partire dalla lotta alla pandemia. Sperando anche che la politica possa svolgere decisamente meglio le proprie funzioni, pensando solo ed esclusivamente al proprio compito: lavorare per il bene degli italiani. Anche di quelli che risiedono all'estero. E ricordate sempre: non riusciranno a fermarci....