Matteo Berrettini (foto depositphotos)

Bilancio al chiaroscuro per il tennis italiano agli Australian Open, prima prova del Grande Slam del 2022.  Il numero uno azzurro (e n.7 del ranking Atp) Matteo Berrettini è infatti approdato agli ottavi di finale (è la seconda volta che gli riesce sui campi in cemento di Melbourne Park) superando, con non poca fatica e solo al tie-break del quinto set, il “baby prodigio” spagnolo Carlos Alcaraz, 18 anni (e n. 31 Atp), costretto ad alzare bandiera bianca dopo una battaglia durata quattro ore e dieci minuti, con il punteggio di 6-2; 7-6; 4-6; 2-6; 7-6 (10-5).

SONEGO SI INCHINA A KECMANOVIC
Nulla da fare, invece per Lorenzo Sonego e Camila Giorgi, battuti ed eliminati dal torneo. Il torinese si è arreso, con il punteggio di 6-4; 6-7; 6-2; 7-5 al termine di un match durato 3 ore e 22 minuti, al serbo Kecmanovic (n.77 del ranking), giustiziere, al primo turno, dell’altro italiano Salvatore Caruso, subentrato in tabellone a Novak Djokovic.

NULLA DA FARE PER LA GIORGI
Quanto alla tennista marchigiana, reduce da quasi tre mesi di stop anche a causa di una seconda positività al Covid (che l’ha costretta, in pratica, a disertare i tornei in preparazione dell’appuntamento australiano), contro la la “numero” uno al mondo, la beniamina di casa Ashleigh Barty, non ha avuto scampo e si è inchinata in poco più di un’ora di gioco con il punteggio di 6-2; 6-3.

DOMANI TOCCA A SINNER
Domani il quadro che riguarda gli italiani si aggiornerà con Jannik Sinner, ultimo degli azzurri a scendere in campo. Sempre per il terzo turno del singolare, il tennista altoatesino affronterà il giapponese Taro Daniel.