Mario Draghi

 

di Mauro Suttora
Che buffi questi nanerottoli che si agitano e rifiutano l’unico gigante. Ma a pensarci bene è da sempre, da 2.500 anni, che in democrazia vincono i lillipuziani, invidiosi di Gulliver. Lo legano, perché capiscono che è superiore. Poi vorrebbero farsi governare da lui, ma alla fine lo condannano a morte e lo fanno scappare. Da Alcibiade a Churchill, da Giolitti a De Gaulle: la politica è piena di personaggi oversize eliminati proprio per la loro eccellenza. E ora è il turno di Draghi. Sicuramente Alcibiade fu figlio di buona donna, più spregiudicato di un Renzi. Ma era chiaramente il più intelligente fra tutti gli ateniesi, oltre che facondo, ricco e bello. Quindi, come dicono qui in Lombardia, “dagadóss!”, dategli addosso. D’altra parte, cosa aspettarsi da quelli che misero a morte Socrate? Perfino Pericle, il più grande di loro, passò i suoi guai per l’amante Aspasia. Atene imputò ad Alcibiade la sconfitta a Siracusa, anche se non era lui a comandare la spedizione. Così gli inventori della democrazia finirono per ostracizzarlo: esilio perpetuo. Come Dante. E in fondo come Draghi, che per dimostrare la propria eccellenza è dovuto emigrare otto anni a Francoforte. Ora gli dicono “Vai a Bruxelles quando scade la Von der Leyen, vattene a guidare il Fondo monetario internazionale a Washington”. Ma non azzardarti a voler salire sul Colle più alto della nostra Roma.
Anche la Repubblica romana mortificava l’eccellenza. Peggio dei grillini: la loro regola era “uno vale mezzo”, perché i consoli erano due, duravano un solo anno e non erano rieleggibili. Giulio Cesare pagò con la vita la sua legittima ambizione, e dopotutto anche Napoleone dovette accomodarsi come imperatore per superare le ristrettezze e miserie della prima république rivoluzionaria. Il più grande politico mondiale del secolo scorso, Churchill, fu tenuto fuori dal governo per tutti gli anni 30 dai suoi acrimoniosi avversari. Risultato: arrivò Hitler. Il tempo di vincere una guerra mondiale, e nell’estate 1945 gli ingrati britannici lo cacciarono di nuovo. Democraticamente. Ci mise sei anni l’indomito sir Winston a ottenere la sua rivincita, tornando a Downing street nel ’51. Idem per De Gaulle, che riuscì a riagguantare il governo solo perché c’era la guerra algerina da risolvere. Perfino Bismarck, creatore della Germania moderna, dovette più alla nomina imperiale che alla fiducia delle diete elettive il suo trentennio di potere a Berlino.
E in Italia? Giolitti dovette passare la mano a ‘personaggetti’ dimenticati come Tittoni, Fortis, Saracco, o non indimenticabili come Sonnino, Salandra, Orlando, Facta. Per i tre cavalli di razza dc (Fanfani, Moro, Andreotti) il Quirinale è rimasto un sogno proibito, e figurarsi Craxi. Tutto sommato, lo Spirito Santo effettua scelte più meritocratiche degli eletti dal popolo: il cardinale Martini, papa in pectore per vent’anni, nel 2005 invitò il conclave a votare Ratzinger riconoscendone la grandezza, nonostante fossero agli antipodi. Insomma, l’astio dei mediocri ha rovinato più d’una splendida carriera. Tanto che Aristotele riteneva preferibile la monarchia (se non diventa tirannia) o l’aristocrazia (se non degrada in oligarchia) alla democrazia, quando in questa prevalgono i demagoghi. Quindi ora non ci resta che contemplare lo spettacolo di Giggino e Matteo non laureati che spiegano a Draghi, master al Mit, qual è il posto che gli compete.