Le autorità italiane hanno riconsegnato alla stato di Panama due reperti archeologici che erano stati trafugati nella nazione centroamericana. Il recupero è stato ancora una volta merito dal Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) e a riconsegnare le reliquie nelle mani di Ana Maria Reyes, ambasciatrice di Panama in Italia è stato il Generale dei Carabinieri Roberto Riccardi. La cerimonia si è svolta alla caserma La Marmora del TPC con la partecipazione anche di Janaina Isabel Tewaney, ministro del Governo di Panama e Ana Luisa Castro, vice ministro per Asuntos Multilaterales y Cooperacion Internacional. Uno degli oggetti recuperati dai Carabinieri un vaso di terracotta databile tra il IX e il X secolo con decorazioni tipiche dello stilo Maracas, della cultura Coclé. La localizzazione e il successivo recupero è stato possibile a seguito di una indagine sul traffico internazionale di reperti archeologici denominata operazione ‘Aquea’ che è stata coordinata dalla Procura di Crotone. Il secondo pezzo è stato sequestrato al termine di una operazione effettuata a San Giuseppe Vesuviano.