Depositphotos

Siamo giunti al 134esimo giorno di guerra in Ucraina. Tutti gli aggiornamenti in diretta, ora per ora, dal conflitto e con le dichiarazioni dei protagonisti.

AGGIORNAMENTO ORE 13:30. Otto civili ucraini sono morti dopo essere stati impiegati dai russi per sgomberare le macerie di un impianto metallurgico bombardato a Mariupol, a causa dell’esplosione di una mina. Lo denuncia sui social un consigliere del sindaco in esilio, Petro Andriuschchenko.

AGGIORNAMENTO ORE 11:00. I soldati russi uccisi dall’inizio del conflitto in Ucraina sono 36.650. Lo riporta il bollettino del ministero della Difesa di Kiev che, quotidianamente, fa il punto della situazione sulla guerra. Ben 1.602 i carri armati e 3.797 i veicoli corazzati messi fuori combattimento, oltre a 155 missili da crociera neutralizzati.

AGGIORNAMENTO ORE 08:30. Pesanti bombardamenti lungo la linea del fronte di Donetsk, ma progressi limitati. È quanto scrive l’intelligence Gb a proposito dei russi nel suo consueto rapporto quotidiano sulla guerra in Ucraina.

AGGIORNAMENTO ORE 06:00. Primo stop russo da inizio invasione: nessuna conquista è stata rivendicata negli ultimi giorni. Lo certifica, via Twitter, l’autorevole ISW (Istituto per lo studio della guerra): “Il ministero della Difesa russo ha rivendicato guadagni territoriali ogni giorno dall’inizio della guerra, ma non ha rivendicato alcun nuovo territorio o movimento di forze di terra da quando ha completato l’accerchiamento di Lysychansk il 3 luglio”.

AGGIORNAMENTO ORE 04:00. I russi stanno bloccando i social nelle aree dell’Ucraina occupate nel corso dell’invasione. “Nelle aree sud del nostro paese è stato chiuso l’accesso ai social, a Messenger, a Youtube”, spiega Zelensky. “Le forze russe hanno bloccato ogni possibilità per la gente di conoscere la verità”.

AGGIORNAMENTO ORE 02:00. Zelensky dà buone notizie agli ucraini nel consueto videomessaggio notturno: “Le nostre truppe avanzano a Kherson e Zaporizhzhia”, spiega il presidente, che aggiunge: “Le armi occidentali lavorano a piena capacità”.

AGGIORNAMENTO ORE 00:00. Sono almeno 346 i minori che hanno perso la vita dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. Lo attesta l’ufficio del procuratore generale di Kiev. I feriti sono invece più di 645. Gran parte dei minori feriti o uccisi provenie da Donetsk (346). Seguono Kharkiv (186) e Kiev (116).