Prima che prenda il via l'audizione di Fabrizio Balassone, capo del servizio struttura economica del Dipartimento Economia e Statistica di Bankitalia, Marattin prende la parola e chiede il conteggio dei presenti, sono 7, e domanda che il numero venga messo a verbale. "Sono anni che chiedo di abolire l'inutile liturgia delle audizioni, e sostituirle con l'invio di dettagliati contributi scritti. Mi hanno sempre risposto - compreso pochi giorni fa - che non è possibile perchè si limiterebbe il diritto dei parlamentari a partecipare all'audizione", twitta poco dopo il deputato renziano.

Successivamente in sala arrivano anche altri parlamentari, ma il numero delle presenze rimane contenuto rispetto a quelle potenziali, 31 i membri della Commissione della Camera, 22 quelli del Senato. Nonostante da giorni la maggioranza sottolinei l'esigenza lavorare a tappe serrate - il testo verrà votato in Commissione dal 15 al 18 dicembre - per arrivare all'approvazione del Parlamento entro fine anno e non dover ricorrere all'esercizio provvisiorio di bilancio

La scarsa presenza rileva una dinamica dove si intrecciano diversi fattori. C'è una disaffezione alla partecipazione alle sedute fiume, dove comunque i relatori depositano i loro testi scritti. C'è, forse, un effetto 'ponte', vista la festività religiosa a metà settimana. Ma si risconta anche un maggiore difficoltà a partecipare in giornate in cui sono convocate, come oggi alla Camera, tutte le Commissioni permanenti, visto il taglio del numero dei parlamentari scattato con la nuova legislatura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome