(foto depositphotos)

Ma sì, la concorrenza c’entra pure. La necessità di andare incontro al progresso e cavalcarlo è anch’essa un’ineludibile esigenza. I supermercati si attrezzano in ogni caso. Ma sapete come? Abbracciano il digitale con l’obiettivo di aiutare la spesa. Potrebbero presto esultare i consumatori, importanti novità sono in arrivo. O sono arrivate recentissimamente. Sostanzialmente una nuova concezione di supermercato. Digitale appunto. La buona notizia è quella di offrire e di ricevere qualcosa davvero di inedito. Mai più le tradizionali casse all’ingresso delle strutture di Esselunga, ma il laboratorio della panetteria protetto da un’ampia vetrata, e un negozio per bambini. A qual pro? Avvertita l’utilità di insegnare ai pargoli a fare una spesa intelligente. Necessità e punto, rispetto per il cliente e l’omaggio al progresso. Proviamo insieme a scoprire alcuni dati e particolari del progetto Esselunga. Ventiquattromila articoli negli scaffali, illuminati da 800 luci a led. Il risultato della novità è semplicemente sensazionale: la nuova Esselunga Brescia riesce ad evitare 800 tonnellate di emissioni di anidride carbonica l’anno. I ventiquattromila articoli sono distribuiti tra i 4.600 metri quadrati delle corsie. Il nuovo superstore inaugurato mercoledì a Brescia in via Trimpullina. La strada che collega la città e la Valtrompia altamente industrializzata. La scelta della data non è casuale. Il 27 novembre di sessantadue anni fa, in pieno boom economico, a Milano nasceva il primo supermercato italiano della catena Supermarkets Italia. Il papà di Esselunga della famiglia Caprotti. Quel supermercato fu ricavato da un ex officina di viale Regina Giovanna. Un’anticipazione del concetto di rigenerazione urbana. L’operazione a vasto raggio mirata al recupero di edifici dismessi. L’obiettivo fu di non consumare altro suolo cittadino o immediatamente periferico. Nel reparto enoteca del superstore inaugurato a Brescia, opera addirittura un sommelier virtuale. Funziona così: basta avvicinare una delle 850 etichette in vendita allo schermo; appare una scheda descrittiva con tanto di abbinamenti consigliati. Nel parcheggio sotterraneo è installato un eco-compattatore di bottiglie d’acqua che eroga un buono di 10 centesimi ogni dieci bottiglie. L’iniziativa è indubbiamente green, ma risponde anche alle esigenze dei clienti frettolosi, inseguiti da un percorso necessariamente rapido. A Brescia il gruppo della grande distribuzione ha praticato lo stesso sistema applicato da Supermarkets Italia nel 1957. Ora Esselunga, ha aperto il suo terzo punto di vendita cittadino. Appena appena, il 159mo della catena. L’avvenieristica struttura è nell’area di un’ex industria chiusa nei primi anni Duemila. Parimenti all’insegna della rigenerazione anche il polo logistico che Esselunga sta realizzando ad Ospitaletto. Dieci chilometri e altrettanti minuti di auto dal superstore, che si è scelto una nuova pasticceria. Elisenda vende torte e cannoncini prodotti in collaborazione con gli chef stellati del ristorante Vittorio di Brusaporte, Bergamo. Il maxi polo logistico è il frutto della trasformazione di 900mila metri quadrati, pari a 120 campi di calcio, di un’ex acciaieria. Solo per la bonifica, un investimento di 30 milioni. Sessanta quelli spesi per la realizzazione del mega supermercato di via Trimpulina, progettato dallo studio Nonis. Gli interni li ha realizzati totalmente la Landini Associates di Sydney. L’edificio di classe energetica A2 è impreziosito dall’impiego di acciaio e legno-dogato. Allacciata al teleriscaldamento a23, la spettacolare struttura è dotata di pannelli fotovoltaici e pompe di calore. Elementi che mettono in evidenza l’attenzione di Esselunga per la questione ambientale. Nel loro percorso, i clienti frettolosi, oltre alla spesa tradizionale con casse self payment possono usufruire del reparto frutta e verdura e della gastronomia. Esselunga è concentrata da sessantadue anni sulla qualità e l’innovazione costante. Consapevole della grande, enorme richiesta di "food to go" e "food to cat", ora intende valorizzare al massimo questi aspetti. Sapete come? Con un nuovo concept, guardando avanti, al mondo che cambia e ad esigenze sempre nuove. Il supermercato digitale targato Esselunga per aiutare la spesa. La svolta all’insegna dell’intelligenza a beneficio di persone di tutte le età.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome