Secondo il commissario per la giustizia Didier Reynders, la Commissione europea mira a introdurre codici di colore uniformi per tutte le zone di viaggio nei paesi dell'UE a partire dalla prossima settimana. Attualmente, spetta ancora agli Stati membri decidere quale colore assegnare a determinate zone di viaggio in altri paesi, creando confusione per i viaggiatori a causa delle restrizioni di viaggio e delle regole di quarantena in continua evoluzione. L’ annuncio arriva anche a seguito delle parole di preoccupazione sulla situazione generale europea, pronunciate da Hans Kluge, direttore regionale per l'Europa dell'Oms. "È una situazione molto grave quella che si sta verificando" in UE ha dichiarato l’alto funzionario, dove i nuovi casi settimanali di coronavirus "hanno superato quelli segnalati quando la pandemia ha colpito per la prima volta a marzo".

"Oltre metà dei Paesi europei - ha sottolineato - hanno registrato aumenti di oltre il 10% nelle ultime due settimane e in sette Paesi l'incremento è stato pari a più del doppio". Questi numeri, ha concluso, rappresentano un "trend allarmante" e "devono essere una sveglia per tutti". Si rende necessaria dunque una risposta uniforme sulle restrizioni di viaggio, per favorire e semplificare i processi di entrata e uscita dai paesi e per non creare confusioni. "Dobbiamo andare verso il coordinamento, ma è difficile", ha dichiarato il commissario europeo Didier Reynders."All'inizio di settembre abbiamo inviato una raccomandazione ai paesi per trovare un accordo. Dovrebbero utilizzare tutti gli stessi criteri per definire le zone e utilizzare anche la stessa mappa ", ha affermato. "Una regione colorata di rosso dovrebbe essere rossa per tutti, non per il Belgio ma non per altri paesi, ad esempio".

Reynders mira ad avere questa mappa uniforme dei codici colore entro la prossima settimana, ma teme che ci vorrà più tempo. C'è stato uno sforzo considerevole da parte della Presidenza tedesca per raggiungere un accordo, secondo lui, ma "la strada è ancora lunga"."Ogni giorno, c'è un cambiamento in un paese o in un altro, che hanno tutti una visione diversa per i codici colore", ha detto Reynders, aggiungendo che assegnarli è una competenza nazionale. "Ma sarebbe utile avere la stessa mappa per tutti e una nuova decisione una volta alla settimana."Molte compagnie aeree europee hanno anche spinto per restrizioni di viaggio uniformi in tutta l'UE, poiché la confusione riguardo alle regole sta ostacolando il traffico aereo. Le restrizioni di viaggio e le regole di quarantena dovrebbero essere basate sui dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), che elabora codici colore per ogni paese o regione, a seconda del settore.

"Il Consiglio dell'UE deve fare di questa una priorità politica", ha affermato Benjamin Smith, CEO del gruppo Air France-KLM. "Misure nazionali non coordinate negli ultimi sei mesi hanno avuto un impatto devastante sulla libertà di movimento - un principio fondamentale dell'UE - con significativi effetti a catena per il nostro settore dei viaggi e del turismo". Inoltre, il massimo dirigente di Easyjet ha affermato che regole di viaggio uniformi aiuterebbero le compagnie aeree più degli aiuti di Stato. Il dipartimento degli affari esteri del Belgio ha pubblicato il suo ultimo aggiornamento settimanale dei codici colore per le zone di viaggio, colorando di rosso le città di Amsterdam e Vienna, così come molte altre aree. Ciò significa che i viaggi non essenziali dal Belgio non saranno più consentiti e le persone che tornano da lì devono essere testate e messe in quarantena. Una soluzione intelligente per semplificare quarantena e viaggi in tutto il territorio europeo.

Margareth Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome