I chirurghi italiani Marco Stabile e Gianluca Gatti sono diventati popolarissimi in Paraguay. Infatti arrivano e operano, in chirurgia plastica, gratuitamente, tutte quelle persone, soggette a malformazioni fisiche, il più delle volte gravi, ma anche vittime di operazioni mal riuscite, che non hanno i mezzi economici per sottoporsi a un intervento in sala operatoria.

Questa volta i due medici italiani, raggiungendo i colleghi paraguaiani, hanno preso parte a una iniziativa che è stata voluta dalla Sociedad Paraguaya de Cirugia Plastica Reconstructiva y Estetica in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia di Asuncion. Così fino al 7 marzo nel dipartimento di Misiones, negli ospedali di San Ignacio, San Juan e Santa Rosa, beneficiando anche gli abitanti di Ñeembucú, i medici italiani si sono sottoposti a un vero e proprio tour de force in sala operatoria.

Il programma attuale va ad aggiungersi a un’altra iniziativa Ñemyatyro Paraguay del Ministerio de Salud Publica y Bienstar Social e tutti gli interventi vengono svolti assieme a chirurghi plastici locali attraverso un’altra collaborazione, quella con il Centro Nacional de Quemaduras y Cirugias Reconstructivas (Cenquer) che è sotto la direzione del dottor Bruno Balmelli.

Da quanto è stato reso noto, alla fine della tre giorni dei chirurghi italiani sono state operate 75 persone, la maggior parte delle quali per malformazioni fisiche, ma anche per bruciature. Il dottor Marco Stabile, primario a Piacenza, ma nativo di Cremona, non è nuovo, come il suo collega Gianluca Gatti, pisano, a queste missioni umanitarie, completamente gratuite.

Si chiama ‘Chirurgia che cambia la vita’ il progetto a cui il medico cremonese ha aderito dal 2016 e che finora in Paraguay ha aiutato circa 400 persone. Una missione che ha ricevuto anche il ringraziamento del Ministerio de Salud Publica del Paraguay.

Sandra Echenique