Dal 30 maggio al 3 giugno, Belo Horizonte diventerà tutta un fumetto

Dal 30 maggio al 3 giugno si svolgerà a Belo Horizonte il 10º Festival International de Quadrinhos, un appuntamento imperdibile nel campo dei fumetti. Una rassegna che, per numero di partecipanti, 148.000, supera anche il celebre San Diego Comics-Con che si svolge negli Stati Uniti. A cura della Fundaçao Municipal de Cultura della Prefeitura di Belo Horizonte, il Festival è il diretto erede della Bienal International de Quadrinhos che si è svolta nel 1997 a Rio de Janeiro, della quale mantiene la stessa esuberanza e atmosfera. Il FIQ, l’acronimo del Festival, non è soltanto una esposizione di opere illustrate a fumetti di alto livello, ma al suo interno presenta anche una delle rassegne più importanti del suo ramo nel campo delle pubblicazioni accompagnate da sessioni video, conferenze, ma anche laboratori dove è possibile imparare l’abc dell’arte del fumetto. Ma per l’edizione 2018 il FIQ sarà anche molto italiano: infatti, grazie alla partnership con il Consolato Generale d’Italia di Belo Horizonte ci saranno diversi rappresentanti della grande tradizione fumettistica del nostro Paese come Zerocalcare (nella realtà Michele Rech) e Mario Alberti, due artisti molto conosciuti nell’ambiente. Zerocalcare poi con la sua opera “Kobane calling”, dall’anno scorso è sbarcato anche in Brasile pubblicato attraverso le edizioni Nemo. Zerocalcare sarà poi anche protagonista di un appuntamento, previsto per l’1 giugno alla Casa FIAT de Cultura, avvenimento chiamato “Historia em Quadrinhos” dove potrà incontrarsi con il suo pubblico, nell’ambito della rassegna che durerà cinque giorni e sarà ad ingresso gratuito. La rassegna dei fumetti brasiliana si svolge una volta ogni due anni ed è considerato il più grande avvenimento riservato ai comics, al mondo dei fumetti, di tutta l’America, la prima edizione risale al 1999.