Usa, 600 donne protestano in Senato contro politica su migranti del presidente Trump

Quasi 600 manifestanti, per la maggior parte donne, hanno fatto irruzione ieri in un edificio del Senato degli Stati Uniti per protestare contro la politica di Donald Trump sull'immigrazione. Avvolte in coperte simili a quelle distribuite ai bambini separati dai loro genitori (al momento sarebbero oltre 2.000 i piccoli separati dai loro genitori dopo l'attraversamento del confine con il Messico), le donne hanno mostrato nell'atrio dell'edificio adiacente al Congresso un grande striscione con su scritto "Le famiglie devono rimanere insieme in libertà".

ARRESTATE PER "DIMOSTRAZIONE ILLEGALE"
La polizia del Campidoglio ha riferito di aver arrestato per "per dimostrazione illegale circa 575 persone", punibili con una multa. I capi di imputazione sono stati resi noti sul posto e le menifestanti sono state rilasciate. Tra le donne arrestate anche la deputata democratica Pramila Jayapal, che ha denunciato "la politica crudele della tolleranza zero" di Trump, e l'attrice Susan Sarandon. "Potente e bella azione con centinaia di donne per chiedere la riunificazione delle famiglie separate dalla politica immorale dell'Ice (Immigration and Customs Enforcement). Questa è democrazia. #WomenDisobey", ha scritto su Twitter la star hollywoodiana.