(foto tratta da Vivo Azzurro, il profilo Twitter della Nazionale italiana)

Tutto facile per l’Italia nella seconda sfida delle qualificazioni a Euro 2020. Gli azzurri di Mancini superano il Liechtenstein a Parma con un tennistico 6-0 e e conquistano la vetta del girone J grazie al 2-2 tra Bosnia e Grecia. 

Tanti cambi tra le fila azzurre rispetto alla gara con la Finlandia. Tra i confermati c’è Kean, supportato in attacco da Quagliarella e Politano. In porta Sirigu, in difesa debutto per l’atalantino Mancini. Il risultato si sblocca al 17′ per merito di Sensi, che va a segno con un preciso colpo di testa da due passi.

Al 32′ è Verratti a raddoppiare con un pregevole destro a giro, a coronamento di una splendida azione personale. Poi comincia lo show di Quagliarella, a segno due volte dal dischetto in dieci minuti (sul secondo penalty espulso Kaufmann per proteste). Per l’attaccante stabiese ritorno al gol con la maglia dell’Italia dopo 10 anni, a 36 anni e 54 giorni: è record.

Nella ripresa c’è spazio per gli ingressi di Zaniolo, Pavoletti e Izzo. Di Kean, al 24′, la quinta rete dell’Italia, di testa su invito del solito Quagliarella. Poi, al 31′, chiude i conti proprio Pavoletti raccogliendo una respinta del portiere Buchel su un suo stesso colpo di testa.

ITALIA-LIECHTENSTEIN 6-0 TABELLINO

Italia (4-3-3): Sirigu; Mancini, Bonucci (34′ st Izzo), Romagnoli, Spinazzola; Sensi, Jorginho (12′ st Zaniolo), Verratti; Politano, Quagliarella (27′ st Pavoletti), Kean. A disp. Cragno, Donnarumma, Biraghi, Grifo, Cristante, Barella, Bernardeschi, Immobile, Lasagna. All. Mancini

Liechtenstein (4-4-2): B. Buchel; Wolfinger, Kaufmann, Hofer, Goppel; Sele (1′ st Malin), Polverino, Wieser, Kuhne (23′ st Meier); Hasler, Salanovic (37′ st M. Buchel). A disp. Hobi, Majer, Rechsteiner, Yildiz, Brandle, Eberle, Gubser, Ospelt, Frick. All. Kolvidsson

Arbitro: Levnikov (Russia)
Reti: 17′ pt Sensi, 32′ pt Verratti, 35′ pt rig. e 48′ pt rig. Quagliarella, 24′ st Kean, 31′ st Pavoletti
Note: espulso al 47′ pt Kaufmann per fallo da ultimo uomo. Ammonito Hasler, Izzo.