Vienna (Depositphotos)

L'Europa ripiomba nel terrore. Dopo gli attacchi in Francia, notte di sangue a Vienna dove quattro persone hanno perso la vita e 17 sono rimaste ferite in seguito a una serie di attentati. Morto anche uno degli attentatori, affiliato o comunque ritenuto vicino all'Isis. Caccia aperta a tre complici.

Il commando armato ha sferrato attacchi coordinati in almeno sei punti della capitale austriaca, compresa la zona della sinagoga ebraica. Cinque i ricoverati in gravi condizioni per ferite da arma da fuoco, in seguito alle sparatorie tra terroristi e forze dell'ordine.

L'attentatore ucciso, 20 anni, nato in Austria ma di origini albanesi, aveva preannunciato con un post su Instagram l'atto criminale che stava per compiere. I servizi segreti austriaci lo avevano schedato come uno dei 90 islamisti del paese pronti a recarsi in Siria per dare sostegno alla lotta del Califfato.